Valle Del SaccoToday

Artena, va in ospedale per un mal di testa. Muore in ambulanza durante il trasferimento nella capitale

Il 38enne Emanuele Selci ha perso la vita in modo assurdo nella giornata di ieri. Una notizia che ha sconvolto l’intera comunità. Il sindaco "smorza" l'allarme meningite

Un fine settimana che all’improvviso è diventato tragico per la città di Artena che ha perso, in circostanze assurde, un ragazzo di 38 anni molto conosciuto perché era il titolare di una bar-paninoteca posto proprio sulla strada in pieno centro urbano.

La morte assurda

Nella giornata di ieri Emanuele Selci (soprannominato Steccò) era arrivato all’ospedale a Colleferro con un forte mal di testa, i medici del pronto soccorso avevano predisposto una tac e questa era risultata essere negativa. Ma il dolore alla testa continuava ad essere molto forte quindi si era deciso il trasporto con l’ambulanza in ospedale a Roma. Durante il tragitto verso la capitale, verso le 17 e 30, la situazione è precipitata ed il ragazzo è morto. L’ambulanza ha fatto ritorno a Colleferro tra le lacrime dei familiari accorsi al nosocomio subito dopo la diffusione della tragica la notizia. Più tardi la salma verrà portata al Policlinico di Tor Vergata dove verrà effettuata l’autopsia nelle prossime ore.

I messaggi in rete

Emanuele, un ragazzo molto buono ed apprezzato da tutti lascia due figli piccoli e la compagna Tonina. Sul suo profilo Facebook molti i messaggi di condoglianze arrivati da amici e conoscenti. Semplici parole per ricordare una persona che ha lasciato un segno positivo sulla terra: “Non muore mai chi vive nel cuore di chi resta: dicono tutti così. Ma oggi mi manchi e ho solo voglia di poterti vedere di nuovo per riabbracciarti.......... Emanuele” scrive un suo amico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le parole del sindaco Angelini

Nella giornata di domenica in città si era diffusa la notizia che la causa della morte di Emanuele potrebbe essere stata una meningite fulminante. A fare chiarezza il sindaco Felicetto Angelini che di professione è dirigente medico presso la RMG: "Sono come tutti addolorato per la prematura morte di Emanuele, una tragedia che ha colpito la nostra comunità. Le notizie però che si vanno diffondendo rischiano di essere infondate. Da quanto ho appreso la Meningite che lo ha colpito non ha bisogno di nessuna precauzione particolare. Al momento non c'è alcuna profilassi da fare. Ci resta soltanto un ragazzo da piangere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento