Venerdì, 30 Luglio 2021
Artena

Artena, morsi, calci e pugni ai carabinieri. Un 63enne finisce in carcere dopo una notte “sopra le righe”

L’uomo è stato trovato ubriaco mentre continuava ad infastidire i clienti di un bar

Una notte “sopra le righe” per un 63enne di origini romene, ma da tempo residente  ad Artena, gli è costata l’arresto da parte dei Carabinieri della Stazione di Artena con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni.

I militari agli ordini del maresciallo Ferrari sono intervenuti in un bar del centro storico, dopo aver ricevuto la segnalazione da parte del proprietario per uomo che stava arrecando disturbo agli altri avventori dopo essersi ubriacato. Al loro arrivo, i Carabinieri hanno trovato l’uomo accasciato a terra, quasi privo di sensi.

I soccorsi

Allertato il personale medico per i soccorsi del caso, il 63enne, durante il trasporto verso l’ospedale di Colleferro, si è ripreso ed ha aggredito l’infermiere dell’equipaggio del “118”, continuando nel suo comportamento violento anche all’interno dell’ospedale: morsi e pugni per chiunque si fosse avvicinato, compresi i Carabinieri della Stazione di Artena e dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Colleferro arrivati in supporto dei colleghi.

L’arresto

Il 63enne è stato, alla fine, immobilizzato e, dopo la dimissione dall’ospedale, è stato arrestato e trattenuto in caserma. A seguito del giudizio direttissimo, l’arresto è stato convalidato e l’uomo ha patteggiato una pena di otto mesi di reclusione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Artena, morsi, calci e pugni ai carabinieri. Un 63enne finisce in carcere dopo una notte “sopra le righe”

FrosinoneToday è in caricamento