menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Colleferro, in arrivo 170 mila euro per le attività commerciali, per FdI fondi insufficienti

In giunta approvato il bando per fare domanda per gli aiuti economici. L’ass. Gabrielli spiega che è il massimo che si potesse fare

Come avevamo accenato qualche giorno fa nel presentare il bilancio approvato dal comune di Colleferro sono in arrivo dei fondi per aiutare le attività commerciali che sono state colpite dalla pandemia e dalle restrizioni per contrastare la diffusione del covid-19. Si tratta di un fondo di 170 mila euro complessivo che per l’assessore Gabrielli rappresenta la cifra massima che si è potuta mettere a disposizione ma che per il gruppo di fratelli d’Italia in consiglio rappresentano degli aiuti non sufficienti.

La giunta ha approvato oggi (Venerdì ndr) - si legge in una nota inviata alla stampa - nuovo bando che ha lo scopo di offrire un contributo concreto alla ripresa delle micro, piccole e medie imprese del commercio, della ristorazione, del terziario e dell'artigianato. L'Amministrazione comunale ha deciso di costituire un Fondo comunale di € 170.000,00 per aiutare quelle attività produttive che, hanno dovuto sospendere totalmente o parzialmente la propria attività, con conseguente riduzione del fatturato in ottemperanza alla normativa nazionale e regionale.

Potranno accedere al bando, le attività che, alla data di emanazione dell'avviso, sono titolari di un’attività principale, quale risultante dall'iscrizione al registro delle imprese, sospesa o parzialmente sospesa a seguito dei vari dpcm che si sono susseguiti in questo ultimo anno.

“In un periodo in cui il commercio è di nuovo duramente colpito dalle misure di contenimento della pandemia – ha dichiarato il Sindaco di Colleferro Pierluigi Sanna – mettiamo in campo una iniziativa concreta a supporto delle attività produttive, con un bando destinato a tutte le attività sul territorio comunale, che prevede tempistiche piuttosto ristrette per riuscire a dare delle risposte a breve termine. Sappiamo che non si tratta di un'azione risolutiva, ma è il massimo che il Comune possa fare in questo momento”.

“Abbiamo fatto il possibile per le attività commerciali, dell'artigianato e servizi alla persona - ha affermato l’Assessore alle attività produttive, Marco Gabrielli - convinti che, in un periodo così difficile per il Paese, ognuno debba fare la propria parte”.

“Con il Sindaco Sanna e tutta la maggioranza – conclude Gabrielli -  siamo riusciti a stanziare una cifra straordinaria (170.000 euro a fondo perduto) per sostenere le nostre attività produttive, le imprese e i commercianti. La forza della nostra città sta nel saper fare sistema per superare, insieme, le difficoltà, anche quelle più grandi. Nessuno deve rimanere indietro”.

Fdi parla di aiuti insufficienti

“Occorre potenziare il sostegno in maniera totale ed un piano per riaprire in sicurezza. I ristori – spiegano Sofi e Patrizi Fdi) - non bastano perché la situazione è evidentemente molto grave; le somme destinate non coprono minimamente le perdite, tutte molte vicine al 70% del fatturato annuo.  Serve un cambio di passo: rafforzare le misure economiche a sostegno del settore e, allo stesso tempo, mettere a punto un piano per la graduale riapertura in sicurezza delle attività, anche tramite nuovi protocolli sanitari e di concerto con gli enti preposti.  Il Gruppo Consiliare FdI invita il Sindaco e l’intera maggioranza all’urgente apertura di una commissione consiliare!”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Incontro con Simone Frignani, il costruttore di cammini!

  • Attualità

    Le 'ciocie' tra storia e curiosità

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento