menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Colleferro-Carpineto, i sindaci scrivono a Zingaretti e Leodori per chiedere gli aiuti economici

Troppo pesanti le conseguenze del periodo della zona rossa per le attività produttive dei due comuni

Come ben sappiamo dopo 12 lunghi mesi di convivenza “forzata” con il coronavirus oltre alla crisi sanitaria c’è anche la crisi economica a mettere in ginocchio le famiglie ed i commercianti che sono stati costretti a chiudere a causa delle restrizioni imposte dall’alto. In questi ultimi giorni lo stesso scenario si è ripetuto nei comuni a sud di Roma di Colleferro e Carpineto Romano e per cercare di aiutare i commercianti i due giovani sindaci hanno chiesto aiuto alla Regione.

La lettera a Zingaretti e Leodori

“Considerata la grave situazione epidemiologia da Covid-19 che ha portato l’innalzamento del livello dei contagi, dovuti alla così detta “variante inglese”, nei comuni di Colleferro e Carpineto Romano, il Governatore della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha dichiarato, tempestivamente, le due città “Zona Rossa”. Il provvedimento regionale – si legge nella missiva dei due primi cittadini al Presidente Zingaretti ed al neo assessore al Bilancio Leodori - di natura straordinaria e non prevedibile, ha causato gravi perdite economiche a tutto il settore produttivo e commerciale locale. Per tali motivi si vuole evidenziare la necessità di un intervento di natura economica, certo e tempestivo, a sostegno delle attività produttive e commerciali del territorio, il cui drastico calo di fatturato ha messo a serio rischio la loro continuità, innescando un potenziale tracollo dell’economia locale.

Nel periodo in cui è stata imposta la “Zona Rossa”, 20/02/2021 - 07/03/2021, in cui di fatto è stata sancita la chiusura totale o parziale delle attività produttive e commerciali, che non risultano presenti nell'ordinanza del 20/02/2021 agli allegati 23/24, per le stesse, costrette a chiusura si è registrata una forte contrazione degli incassi, condizione questa che ha arrecato un grave danno agli imprenditori, in aggiunta alla già nota sofferenza economica a cui sono costretti già da un anno. Inoltre, il divieto imposto al flusso turistico in particolare, nella città di Carpineto Romano, attività economica fondamentale per il territorio, ha praticamente azzerato ogni possibilità di sopravvivenza economica residua.

Questa disastrosa crisi economico-finanziaria senza precedenti, che peserà sui Bilanci delle imprese, ci spinge a chiedere un tempestivo aiuto Regionale attraverso ristori economici adeguati alle effettive perdite di fatturato. Ci auspichiamo, quindi, che insieme alla Regione, anche il Governo Draghi possa, il prima possibile, attenzionare la grave situazione di crisi in cui versano le attività produttive e commerciali del nostro territorio, il cui quadrante geografico d’azione è già di per sé penalizzante. In questa nuova fase, in cui si rende necessario il sostegno, ma anche il rilancio, ci auguriamo che si trovi una linea comune finalizzata alla destinazione di Ristori economici alle attività produttive e commerciali, che costituiscono da sempre un importante volano dell’economia locale. Il sostegno economico, rappresenta un forte segnale di fiducia, di rilancio, oltreché di speranza che le istituzioni in questi momenti sono chiamate a valutare”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lazio in zona gialla? I numeri dicono di sì, ma...

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Incontro con Simone Frignani, il costruttore di cammini!

  • Attualità

    Le 'ciocie' tra storia e curiosità

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento