Valle Del SaccoToday

Lazio Ambiente, Buschini “garantisce” gli stipendi di novembre e dicembre

L’incertezza nel futuro occupazionale dei dipendenti resta alta ed il sindacato dell’UGL chiede maggiore chiarezza

L’Assessore all’ambiente della Regione Lazio Mauro Buschini ha incontrato nelle ultime ore i sindacati per fare il punto della situazione della società Lazio Ambiente Spa. La crisi dell’azienda che si occupa di rifiuti si è acuita nelle scorse settimane tanto da mettere in discussione gli stipendi dei dipendenti. 

I soldi per gli stipendi di novembre e dicembre

Nel corso del confronto con le organizzazioni sindacali, Buschini ha annunciato che la Regione Lazio, titolare al 100% della società, pagherà di stipendi di Novembre e Dicembre, impegnandosi a chiedere ai Comuni morosi di versare le proprie quote per garantire le spettanze almeno fino a Marzo. Altro argomento sul tavolo il nuovo piano industriale che l’amministrazione regionale sta studiando. Risposte che non hanno convinto del tutto perché non fanno luce sul futuro della società e dei suoi lavoratori.

La campagna elettorale

“Ci auguriamo – sottolinea il segretario dell’UGL Lazio Armando Valiani – che la Regione non stia facendo solo campagna elettorale annunciando il pagamento degli stipendi per i due mesi che chiudono l’anno e l’impegno successivo fino a Marzo. I lavoratori sono stanchi e chiedono risposte certe che vadano oltre i pochi mesi di cui si è parlato durante l’incontro. Abbiamo bisogno di un documento ufficiale nel quale sia specificato l’importo reale che i Comuni devono versare a Lazio Ambiente perché la cifra esatta è ancora sconosciuta”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Troppe incertezze sul nuovo piano industriale

Sul nuovo piano industriale l’UGL Lazio sollecita un tavolo che preveda la presenza di tutti gli enti coinvolti: “Non siamo affatto contrari a nuove iniziative ma – spiega Valiani – vogliamo che al tavolo siedano anche Ama (coinvolta nella gestione dei termovalorizzatori), i sindacati, gli enti locali e il Ministero perché il tema dei termovalorizzatori rientra nel piano Salva Italia. Vogliamo che ci sia chiarezza e chiediamo alla Regione di farsi garante affinché in qualsiasi nuovo progetto venga salvaguardato il reddito delle maestranze”. I sindacati hanno anche chiesto all’assessore Buschini di chiarire il futuro del progetto di revamping degli inceneritori di Colleferro, fermo dal giorno in cui il Sindaco Sanna ha impedito l’ingresso del camion straniandosi a terra: “Vogliamo capire – sostiene Valiani – che fine farà il piano all’indomani di quanto accaduto. Chiediamo anche che vengano ufficializzati i dati di Arpa Lazio per capire se l’inquinamento di Colleferro provenga dal termovalorizzatore o da altre industrie presenti sul territorio”.    
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pontecorvo, speciale elezioni: Anselmo Rotondo resta sindaco (video)

  • Omicidio Willy, tracce organiche nella macchina dei fratelli Marco e Gabriele Bianchi

  • Coronavirus, l'appello di un fisioterapista positivo: "I miei pazienti facciano attenzione"

  • Coronavirus, impennata di casi di positivi a Colleferro. Ecco cosa è successo

  • Omicidio Willy, lo sfogo del gestore di un locale di Colleferro: “non siamo il cancro di questa città”

  • Referendum, passa il taglio dei parlamentari. In Ciociaria il sì arriva al 75%, ma non ha votato più della metà degli elettori

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento