Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | La storia di Mimmo a quasi 88 anni torna a giocare a tennis dopo il lungo lockdown 

Domenico Pomponi è tornato sui campi in terra rossa del Tc Avio di Colleferro dove gioca da oltre 70 anni con una certa assiduità almeno una volta a settimana

Non capita certo tutti i giorni di trovarsi di fronte un arzillo vecchietto che a 87 anni compiuti (a dicembre 88) ancora calca i campi da tennis in terra rossa e lo fa con una naturalezza e con una fluidita nei colpi da fare invidia a molti over 50. Quella che stiamo per raccontarvi è la storia di Domenico (Mimmo) Pomponi che abbiamo incontrato sui campi del Tc Avio Club di Colleferro, cittadina a sud della provincia di Roma ai confini con la Ciociaria.

Lo storico circolo nato insieme alla fabbrica Snia dove prese la prima volta la racchetta in mano a 17 anni e dal quel giorno ha sempre giocato, a parte una piccola pausa intorno agli 80 anni, come spiega nel video in alto, quando si è dato al ballo (Tip Tap) con risultati eccellenti vincendo anche un campionato internazionale in Germania.

Mimmo per oltre 40 anni ha lavorato nella parte amministrativa dell’azienda che da Snia ora è diventata Avio ed opera con successo nel settore Aerospaziale. All’interno dei mega capannoni al IV tra Colleferro ed Artena viene costruito il razzo Vega, il lanciatore dei satelliti in orbita utilizzato dall’Esa.

Il ritorno in campo dopo il lungo lockdown di oltre un anno

Mimmo che vive in pieno centro a Colleferro in compagnia della moglie in tutti questi anni si è mantenuto fisicamente integro ed ancora ha il piacere di giocare a tennis con una certa assiduità nel circolo che ha anche guidato insieme all’amico Emilio Volpe negli anni 70. In questi giorni dopo oltre un anno di tempo è tornato a sporcarsi le scarpe di terra rossa dopo il lockdown e non gli è mancato di certo lo spirito autocritico. “Dopo tutti questi mesi senza giocare sto riprendendo piano piano e mi accorgo – spiega ai microfoni di frosinonetoday.it – che ho perso l’occhio sulla palla ed su alcuni colpi come il rovescio in back debbo riprenderci bene la mano, ma per il resto ancora mi sento molto bene”.

Mimmo è un bel esempio positivo per tutti coloro che lo conoscono e che frequentano il circolo colleferrino dove fino a qualche anno fa anche un novantenne Aristide Guerrieri (arbitro internazionale di tennis) ancora tirava qualche dritto in campo. Un esempio vivente che il tennis e lo sport in generale se praticato con assiduità e costanza porta dei benefici reali alla salute ed alla longevità.   

Copyright 2021 Citynews

Si parla di

Video popolari

VIDEO | La storia di Mimmo a quasi 88 anni torna a giocare a tennis dopo il lungo lockdown 

FrosinoneToday è in caricamento