Valle Del SaccoToday

Colleferro, i lavoratori di Lazio Ambiente in strada. Sale la protesta contro l'immobilismo dei politici

Mobilitazione generale sotto la sede dell'azienda in pieno centro urbano: 400 famiglie senza stipendi e con il futuro sempre più incerto

Maestranze di Lazio Ambiente in strada in pieno centro urbano a Colleferro a protestare contro Zingaretti, l’assessore Regionale Buschini e contro il sindaco Sanna perché: "hanno buttato al vento 12 milioni di euro per il revamping, ossia per  la rigenerazione dei termovalorizzatori e soprattutto - ci dicono alcuni presenti - anche senza "i mostri" fermi da oltre un anno l’inquinamento della città di Colleferro è aumentato a causa del traffico veicolare". Come se non bastasse gli operai degli inceneritori sono stati spostati nei paesi che non pagano o che risultano essere morosi nei confronti dell'azienda.

Monta la protesta

Insomma, una protesta che sta montando giorno dopo giorno con gli operai di Lazio Ambiente e quelli dei termovalorizzatori in totale circa 400 persone che ormai hanno perso la pazienza e con le loro famiglie ridotte alla fame. Gli operai, peraltro sono anche a favore delle proposte del sindaco Sanna, ovvero di un cambio di direzione nello smaltimento dei rifiuti e nello sviluppo della città. Ma questo potrà avvenire entro 3 o 4 anni, ovvero il tempo necessario affinché si costruiscano i nuovi impianti ma nel frattempo  si debbono mandare avanti gli inceneritori.

"La gente di Colleferro deve sapere della verità"

"Occorre dire la verità a tutta la cittadinanza: dopo che c’è stato lo sblocca Italia di Renzi gli inceneritori sono diventati fondamentali. Consentiteci di finire il ciclo - ci hanno detto in coro gli operai scesi in strada a protestare -  e poi fate tutte le rivoluzioni culturali che volete, perché così non si è ne carne ne pesce. Noi mettiamo sotto accusa tutti i partiti politici ed il loro immobilismo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La voce dell'UGL

“Oltre gli stipendi - sottolinea Carla Lucci (vedi video in alto), dipendente Lazio Ambiente e RSU Ugl – siamo qui a denunciare i mancati versamenti deicontributi, delle ritenute IRPEF, dei fondi pensione e delle cessioni delquinto". Una vera e propria emergenza sociale: “La politica – spiegaArmando Valiani Segretario Ugl Lazio può e deve risolvere SUBITO la situazione–il nostro sindacatoha seguito da subito questa delicata vertenza ed ha più volte sollecitato le Istituzioni, in particolar modo la Regione Lazio, affinché venissero attuate politiche a salvaguardia dell'Azienda e dei lavoratori. Siamo stati presenti a tutti i Tavoli Regionali, ma ad oggi assistiamo ad un nulla di fatto. La nostra battaglia continuerà, senza arretrare di un passo, prima di tutto vengono il rispetto e la tutela dei lavoratori e delle loro famiglie”. Presente al presidio odierno, a sostegno dei lavoratori, anche Ignazio Mariani, Vice Segretario UglLazio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A portare la solidarietà agli operai la candidata  al Consiglio Regionale  della lista “Lo Scarpone di Pirozzi” la giovane candidata Cristiana Carrozza

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento