rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Valle Del Sacco

Colleferro, 4 mila euro per sbloccare una pratica edilizia: i dettagli dell'arresto del dipendente comunale

Martedì mattina ci sarà l'interrogatorio di garanzia. Il sindaco Sanna parla di: “un fatto di gravità inaudita. Il comune si costituirà parte civile”

Con il passare delle ore emergono nuovi particolari sull’operazione della Guardia di Finanza di Colleferro che ha portato all’arresto di un dipendente comunale nel fine settimana scorso perche avrebbe intascato dei soldi per “sbloccare” delle pratiche di edilizia privata all’ufficio tecnico. Si tratterebbe di una procedura illegale che avrebbe portato benifici economici quantificabili intorno ai 4 mila euro e che vedrebbe coinvolta anche una dipendente della Fenice, per il momento solo indagata, che lavorava nel suo stesso ufficio.

Domani mattina ci sarà l’interrogatorio di garanzia e si deciderà se verrà confermata la misura restrittiva e quindi l’arresto del dipendente comunale che da qualche mese era diventato anche dirigente in un comune limitrofo a Colleferro.

+++ Aggiornamento alle 16 e 30 +++

La cronaca della giornata

La notizia era nell’aria da qualche giorno e la conferma è arrivata per bocca, o meglio per mano, del sindaco di Colleferro Pierluigi Sanna che con un post sui social ha raccontato dell’arresto di un dipendente comunale che avrebbe preso delle mazzette da un cittadino.

Nei giorni scorsi, quindi, c’è stato il blitz degli uomini della guardia di Finanza che ha portato all’arresto del dipendente comunale e dell’indagine di un dipendente della Fenice, la società sovra comunale che gestisce molti importanti servizi. In attesa che emergano nuovi dettagli su questa vicenda che ha lasciato gli abitanti della cittadina a sud di Roma senza parole riportiamo le parole del sindaco Sanna.

Il post su facebook del sindaco Sanna

“Ho appreso al mio ritorno (dall’Expo di Dubai) che un dipendente comunale è stato arrestato dalla GdF ed un altro dipendente di Fenice è indagato, assieme al primo, per aver indotto un cittadino a dare loro denaro a fronte della svendita della loro pubblica funzione.

Un fatto di gravità inaudita

Il fatto, di inaudita gravità, va condannato con fermezza, assumendo tutti in provvedimenti del caso.  Chi tollera, chi chiude un occhio, chi magari dialoga pure con persone che si macchiano di tali reati è colpevole anch’esso.  Proporrò al più presto l’approvazione in giunta della delibera di nomina del legale che rappresenti il comune come parte civile nel processo poiché il Comune di Colleferro è da ritenersi a tutti gli effetti parte offesa di questa turpe svendita delle funzioni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colleferro, 4 mila euro per sbloccare una pratica edilizia: i dettagli dell'arresto del dipendente comunale

FrosinoneToday è in caricamento