rotate-mobile
Colleferro

Colleferro, spunta la determina per lo spostamento dei tralicci e si accende la polemica politica

I consiglieri comunali Girolami e Del Brusco sollevano il caso del terreno acquistato ad oltre 120mila euro e chiedono un consiglio ad hoc, l'assessore Calamita parla di: "speculazione politica"

Non passa giorno, settimana e mese che a Colleferro non si torni a parlare di rifiuti, discarica e dei lavoratori di Lazio Ambiente. Temi sui quali si è giocata l’ultima campagna elettorale  delle amministrative, che stanno influenzando anche  quella attuale per le politiche e le regionale (la recente visita di Parisi ha provocato non poche reazioni), e sui quali, molto probabilmente, si giocheranno anche quelle future.

Lo spostamento dei tralici

In queste ultime ore al centro del dibattito politico è tornata la discarica dopo la determina di un dirigente comunale che ha dato l’avvio all’esproprio di un terreno molto grande dove verranno posizionati i tralicci dell’Enel che verranno tolti dalla discarica di Colle Fagiolara. Atto che ha mandato su tutte le “furie” i consiglieri dell’IDV Del Brusco e Girolami con l’assessore Calamita che ha replicato parlando di speculazione politica

“Si continua a mungere l'immondizia”

“Nel silenzio generale, con una determinazione di un dirigente comunale, l'amministrazione Sanna espropria un terreno di circa 18000 mq  ove posizionare i tralicci grazie ai quali sino ad ora  é stato impedito di portare altri rifiuti all'interno della discarica  - rilevano in una nota i consiglieri Del Brusco e Girolami -  In questo modo l'enorme buco che si creerà potrà essere  riempito con altra immondizia per oltre un milione e duecentomila metri cubi  di materiali e la discarica, che è  praticamente chiusa da diversi mesi, riaprirà così  ai camion che provengono da oltre 30 Comuni del Lazio”.

Il prezzo esorbitante

“Siamo poi allibiti – proseguono i due consiglieri di opposizione - per l'esorbitante prezzo di ben 122.000,00 pagato per questo  terreno che si trova a confine con la discarica e che nessun comprerebbe mai. Siamo meravigliati per il fatto che, nella nostra città, non si riesce a trovare denaro per tante iniziative e opere pubbliche ed invece per questa operazione non ci sono state difficoltà.  In realtà, é ormai chiaro che chi amministra, vuole continuare a mungere l'immondizia per fare cassa, come fatto in passato. Questa é la solita politica di chi a voce promette che la discarica chiuderà il 31 dicembre del 2019 e con i fatti invece crea un enorme  buco che in appena 21 mesi non sarà riempito. La stessa politica che a parole parla di democrazia partecipata, di referendum cittadini e poi su questi temi cosi importanti per il futuro della nostra comunità, decide nelle segrete stanze con soli signorotti locali. È necessario che il Sindaco riferisca con urgenza  in Consiglio comunale su questi fatti. Noi non ci arrenderemo e lo invitiamo a chiarirci cosa ha in mente”.

La replica dell’ass. Calamita

“Nella vita vi ritroverete davanti una certa quantità di problemi, più o meno difficili da risolvere, in base alla strada che vi ritroverete a percorrere. I miei problemi - spiega sui social l'assessore all'ambiente Giulio Calamita - sono tutti ambientali al momento. Risolvere i problemi ambientali ci pone davanti alcuni dei più grandi dilemmi etici. Ambiente, salute e sviluppo eco-sostenibile del territorio viaggiano di pari passo e non c'è bisogno che vi spieghi cosa significa, lo sapete bene. Il passo è lo stesso della speculazione politica di chi, pur comprendendo la delicatezza dei problemi ambientali del nostro territorio, usa le poche soluzioni a disposizione trovate da chi è chiamato a cercarle per farsi paladino dell'ambiente. Diffidate sempre di chi semplifica la realtà. La realtà è complessa e le soluzioni a parole non esistono praticamente mai. A maggior ragione diffidate di chi critica e non propone nessuna alternativa valida.Abbiamo detto che la discarica chiuderà entro il 2019 e così sarà…tra qualche anno quando ribalteremo il tavolo dei problemi dei rifiuti voglio vedere chi ancora avrà il coraggio di sparlare sul nostro operato!”

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colleferro, spunta la determina per lo spostamento dei tralicci e si accende la polemica politica

FrosinoneToday è in caricamento