Valle Del SaccoToday

Colleferro, a fine ottobre il processo alle 11 persone accusate per la morte di Ilaria Humber

Da giorni si attendeva la notizia che è arrivata solamente nelle ultime ore, ovvero che il 25 ottobre ci sarà al tribunale di Velletri il dibattimento, in pratica si aprirà il

Ilaria Humber-2

Da giorni si attendeva la notizia che è arrivata solamente nelle ultime ore, ovvero che il 25 ottobre ci sarà al tribunale di Velletri il dibattimento, in pratica si aprirà il

processo, alle 11 persone tra medici e paramedici indagati da diverso tempo per la morte della giovane genazzanese Ilaria Humber 11, morta nel 2012 all’ospedale di Colleferro dopo un semplice intervento chirurgico.

Solo due mesi tornammo su questa triste vicenda di presunta malasanità perché c’era stata la decisione del rinvio a giudizio, dopo la riesumazione del cadavere grazie alla perseveranza dei familiari. Tutti ed 11 sono accusati di averla curata con una sonda per il naso ma utilizzata per via rettale. La scoperta di questo grave errore avrebbe addirittura portato i medici a brindare, almeno stando alle intercettazioni della Procura di Velletri, per lo scampato pericolo della perforazione dell’intestino.

La 13enne Ilaria Humber di Genazzano, conosciutissima anche a Paliano, morì dopo qualche giorno passando da un banale mal di pancia ad un fatale arresto cardiaco in meno di 24 ore nella notte del 28 aprile 2012 all’ospedale di Colleferro, dov’era stata trasportata d’urgenza al rientro da una gita scolastica. Oggi, dopo oltre quattro anni per quella morte sono state rinviate a giudizio undici persone fra medici ed infermieri del Parodi Delfino di Colleferro.

Allora denunciate per omicidio colposo e falso in atto pubblico in seguito ai gravi indizi di colpevolezza che sarebbero emersi dalle indagini dei carabinieri del Nucleo Tutela Salute di Roma. I militari, su ordine della Procura di Velletri, nel 2012 fecero effettuare l’autopsia sul corpo dell’adolescente, riesumato una settimana dopo i funerali in seguito alla denuncia presentata dal padre della ragazza, l’ufficiale dell’esercito Roberto Humber, difeso dall’Avv. Filiberto Abbate del foro di Frosinone, l’uomo contestò subito la mancata effettuazione dell’esame autoptico, ma allora il medico legale dell’Asl RmG spiegò che «l’ospedale non ha fatto l’autopsia solo per rispettare il volere della madre». Ora, invece, le conclusioni delle indagini ipotizzano che siano stati gli stessi medici a convincere la donna a non formalizzare la richiesta, consigliandola a non sporgere denuncia. Il padre quel giorno era a Cesena per lavoro e la madre, sconvolta dal decesso della figlia, era ancora traumatizzata da quell’incredibile escalation, partita appena due giorni prima da una telefonata di Ilaria ancora in gita con la sua classe della scuola media Giuseppe Garibaldi di Genazzano. La ragazza le aveva detto di avere mal di pancia, inappetenza e stitichezza. Ma niente di acuto. La madre telefonò alla pediatra di fiducia prima di accompagnare la ragazza al pronto soccorso di Colleferro. All’inizio i dolori non erano forti, ma lo diventarono nel corso della notte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Dall’ecografia risultava che l’intestino era pieno di feci e che il decesso era dovuto ad arresto cardiocircolatorio ma che non si sapeva la vera causa», disse sconvolto il padre. Dopo la denuncia dell’ufficiale l’autopsia non trovò «impedimenti meccanici, cioè – spiegò allora il medico legale dell’Asl RmG – non abbiamo trovato perforazioni ma un megacolon e un megasigma. C’era ovviamente un’occlusione intestinale, ma per stabilire le cause bisognerà aspettare i risultati istologici, che hanno permesso, oggi il rinvio a Giudizio il 6 ottobre prossimo presso il Tribunale di Tivoli. Si può solo dire che prima di arrivare in sala operatoria – concluse il medico legale – ha avuto un arresto cardiaco e un’ora di manovre di rianimazione non sono servite per salvarla. Durante l’autopsia abbiamo prelevato anche il cuore ». Un cuore però che sta parlando e che sta tirando fuori tutta la verità, perché sin da subito tutto era abnorme in quanto la bella figliola era morta per mal di pancia. Al giudizio, usciranno le vere responsabilità e chi ha lavorato con poca professionalità ne pagherà sicuramente le conseguenze, perché Ilaria non tornerà mai più Il padre ci ha detto: “ ho solamente un desiderio di giustizia perché mia figlia , per me, è stata uccisa anche se per eccesso di zelo e di sicuro non me la ridarà nessuno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Coronavirus, muore Pino Scaccia. L'addio di Vacana: ‘In Ciociaria lo avevamo premiato un mese fa’

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento