menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Scriscione ospedale

Scriscione ospedale

Colleferro, dalle 18 catena umana davanti all'ospedale contro la chiusura dei reparti

Silvano Moffa e tutto il gruppo di Azione Popolare proseguono la mobilitazione per salvare l'ospedale di Colleferro. E' delle ultime ore l'ufficializzazione da parte della direzione generale della Asl RMG che non ha ascoltato le richieste

Silvano Moffa e tutto il gruppo di Azione Popolare proseguono la mobilitazione per salvare l'ospedale di Colleferro. E' delle ultime ore l'ufficializzazione da parte della direzione generale della Asl RMG che non ha ascoltato le richieste



del territorio. Dal 7 luglio non ci saranno nuovi nati nel comune di Colleferro. La direzione generale ha deciso la chiusura per il reparto di ostetricia, ginecologia, pediatria e nido, per trasferire il tutto presso il nosocomio di Palestrina.

Azione Popolare, guidata da Silvano Moffa, aveva iniziato la protesta già da mesi, al momento della pubblicazione dell'atto aziendale, ha proseguito per tutto il periodo della campagna elettorale. Giovedì dalle 18 in poi davanti l'ospedale la cittadinanza tutta è invitata a rappresentare una catena umana per dire no a questa decisione. "Non abbiamo bisogno di lettere e belle parole, ma l'ospedale di Colleferro non si deve toccare - tuona più determinato del solito Silvano Moffa - oggi assistiamo alla cronaca di una morte annunciata, ma come Azione Popolare non ci fermeremo qui. Non abbiamo nessuna intenzione di assistere a richieste di proroghe e a lettere prive di significato. L'ospedale di Colleferro non si tocca, punto e basta".

Da qualche settimana Azione Popolare ha avviato una petizione on line per raccogliere firme a favore della salvaguardia dell'ospedale che doveva rappresentare un fiore all'occhiello per l'intero territorio e che invece stanno depauperando piano piano. Oltre alla petizione on line è partita anche una raccolta firme in mezzo alle persone, in comunione anche con altri paesi limitrofi. Una mobilitazione voluta e condivisa da tutti che proseguirà anche sabato e domenica che verranno presso alcuni centri del territorio, per scongiurare che una risorsa così importante per la salute di migliaia di cittadini veda una fine così triste.

I punti per la raccolta firme di sabato 4 e domenica 5 luglio sono: Colleferro, corso Filippo Turati, altezza pasticceria Frattici, Carpineto, corso Vittorio Emanuele II a cura di Progetto Carpineto, Gavignano, Piazza Vittorio, a cura di Emiliano Datti, Valmontone mercato domenicale a cura di Aria Nuova, Artena, piazza Galileo Galilei, mercato della frutta a cura di Andrea Cavezzan, Segni, piazza Risorgimento.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento