Valle Del SaccoToday

Colleferro, dopo 7 ore di consiglio approvato il regolamento sugli impianti sportivi. Respinta la mozione sull’ospedale

Un consiglio comunale fiume quello che è andato in “scena” venerdì 28 aprile che iniziato verso le 18 è terminato solamente dopo oltre 7 ore di discussioni, a tratti anche animate, all’una e mezza della notte.

Colleferro-Consiglio-Comunale-20150729-11

Un consiglio comunale fiume quello che è andato in “scena” venerdì 28 aprile che iniziato verso le 18 è terminato solamente dopo oltre 7 ore di discussioni, a tratti anche animate, all’una e mezza della notte.

Un consiglio che si prevedeva lungo dove sono stati affrontati tanti temi importanti come l’ospedale, Lazio ambiente e soprattutto dove è stato approvato il tanto atteso regolamento sulla gestione degli impianti sportivi comunali. Allora iniziamo col dire che il regolamento comunale approvato è stato quello predisposto del direttore generale e portato in aula dalla maggioranza con la relazione iniziale dell’assessore allo sport Zangrilli. Regolamento, approvato dopo l’una di notte appunto e dopo un’ampia ed articolata discussione, con i voti della maggioranza mentre sono stati contrari i sette esponenti dell’opposizione Pizzuti, Cacciotti, Girardi, Nappo, Santucci, Girolami e Del Brusco e che detterà, da qui ad un mese, le linee guida per la stesura dei Bandi per l’affidamento dei singoli impianti, alcuni dei quali ad alta rilevanza economica come la piscina comunale ed il palazzetto dello sport. Per il sindaco Sanna si è trattato di un cambiamento epocale, mentre per le opposizioni con il fatto che potranno partecipare ai bandi delle società di diritto, al posto delle associazioni, ci saranno delle serie ripercussioni sullo sport colleferrino. Solo il tempo ci dirà chi avrà ragione.

La seduta, come detto era iniziata alle 18 in punto. Si era partiti subito con il tema, sempre molto caldo, dell'Ospedale. Ad illustrare il punto Chiara Pizzuti (FI) che ha spiegato come nei giorni scorsi sono state raccolte 500 firme dai cittadini e dal comitato a difesa dell'ospedale che anche questa mattina ha protestato, nonostante la pioggia, sotto il nosocomio. "Nonostante i tanti soldi pubblici spesi e l'azione di depotenziamento della regione il futuro ancora non è chiaro e la restituzione dei reparti tolti (pediatria ecc) resta un sogno. Per questo chiediamo di poter ascoltare in commissione l'avvocato che ci ha fatto vincere il ricorso". Ha replicato il sindaco Sanna: "condividiamo lo spirito di questa mozione. Questo consiglio si è già pronunciato su questa vicenda. L'ospedale lo stiamo difendendo tutti. Già a luglio 2015 e poi a gennaio nel 2016 ci siamo pronunciati ed abbiamo intrapreso le vie giudiziarie con il ricorso al presidente della Repubblica ed al consiglio di stato con l'avvocato Colabianchi che ha fatto ricorso al ministero ma il comune di Palestrina si è opposto e quindi siamo tornati al Tar per riavere i nostri reparti. I sindaci hanno scritto al DG della Asl per migliorare i servizi che ora non sono sufficienti alle esigenze della popolazione dopo aver deliberato più volte sull'argomento fino al febbraio scorso. In considerazione di tutto questo vi chiedo di ritirare il punto per non arrivare alla quinta delibera".

Poi è stata la volta, sempre su sollecitazione della minoranza di riaffrontare il tema di Lazio Ambiente la società regionale per la raccolta dei rifiuti che entro fine anno verrà chiusa.

L’assessore Calamita ha spiegato ai presenti che l'ordine del giorno proposto dalla minoranza è stato rivisto insieme durante la pausa con i comuni che dovranno essere i protagonisti della decisione della regione di smantelare Lazio Ambiente nella tutela dei posti di lavoro. Contrari a quest’atto i consiglieri Del Brusco e Girolami (Idv) che chiedono di poter valutare anche la partecipazione dei privati anche con 49 e 51 pubblico per salvaguardare l’efficienza della stessa. Atto votato con i voti favorevoli di 14 con Gabrielli che è uscito dall’aula mentre i due dell’IDv sono stati contrari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Daniele Flavi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento