Valle Del SaccoToday

Colleferro, giovedì 29 assemblea pubblica sulla TARI con il Comitato Residenti

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: Nell’ambito degli incontri con la Cittadinanza sulla gestione complessiva del ciclo dei rifiuti giovedì 29 giugno 2017, ore 18,00, si svolgerà un’assemblea pubblica per discutere di TARI, TARIFFA PUNTUALE E PREMIALITA’...

raccolta_differenziata1_

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: Nell’ambito degli incontri con la Cittadinanza sulla gestione complessiva del ciclo dei rifiuti giovedì 29 giugno 2017, ore 18,00, si svolgerà un’assemblea pubblica per discutere di TARI, TARIFFA PUNTUALE E PREMIALITA’ PER I CITTADINI.

Vi aspettiamo ai giardini di via Giotto, ospiti del bar pizzeria “La Baita” per un confronto partecipato tra cittadinanza e rappresentanti delle Istituzioni, Sindaci, Consiglieri comunali, Comitati, Associazioni e Cittadini, in varie forme organizzati, che riterranno di intervenire.

Ringraziamo per il supporto il gestore della Baita, il Comitato del 4 km e il Consorzio CiaL e chiediamo a tutti di intervenire per dare sostegno ad una iniziativa promossa dal “basso”.

Quando avevamo già deciso di discutere di TARIFFA PUNTUALE – un sistema di calcolo del rifiuto prodotto che cambierà l’attuale Tari - è sopraggiunta la tanto attesa conferma del revamping per il rilancio dei 2 inceneritori di Colleferro.

Il revamping, infatti, consentirà di riattivare gli impianti di colle Sughero, questione che, insieme a quella sanitaria e sociale, è all’attenzione del mondo ambientalista da molti anni.

La decisione, oltre a dare un colpo durissimo alle aspettative di miglioramento del territorio, vanifica ogni sforzo del cittadino di contribuire con spirito civico alla salvaguardia dell’ambiente. A cosa serve - ci domandiamo - una raccolta differenziata virtuosa, secondo i principi dell’economia circolare, se chi ci governavuole potenziare quello stesso sistema di gestionedei rifiuti che è stato la condanna del territorio?

Il revamping riapre la filiera industriale del ciclo dei rifiuti echiude definitivamente la porta alla possibilità di cambiare il futuro della valle del Sacco.

Colleferro ha tutto il ciclo industriale dei rifiuti, dalla discarica agli inceneritori fino al TMB (in autorizzazione) che d’ora in poi non sarà neanche più pubblico.

Sarà quindi inevitabile, nel corso dell’incontro, ripercorrere a grandi linee gli ultimi decenni della nostra storia, che stava faticosamente adeguandosi alle direttive europee.

Non subiremola prepotenza della politica che ci vuole imporre un sistema di gestione dei rifiuti che ci riporta indietro di vent’anni!

Ci sono le condizioni nei territori per l’autosufficienza territoriale e per la riconversione degli impianti; sicuramente si doveva adottare un piano di riorganizzazione con un investimento simbolico per invertire la rotta verso una gestione alternativa.

Contro questa politica che non ascolta la voce del territorio manifesteremo tutti insieme uniti sabato 8 luglioa Colleferro per dire Rifiutiamoli!

Sarà una giornata di aggregazione dell’intera valle e darà l’inizio ad un autunno molto caldo in tutte le sedi.

Nel frattempo si stanno organizzando incontri e banchetti pubblici per favorire la mobilitazione di sabato 8 luglio, alla pagina FB Rifiutiamoli, nei seguenti giorni:28 giugno nei Giardini del Murillo dalle h18-20;30 giugno a Piazza Gobetti dalle h18-24; il 1 luglio a Largo San Francesco dalle h10-13, il 2 luglio a Santa Barbara dalle h10-13 e il 5 luglio allo Scalo dalle h 17.30-19.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ina Camilli, rappresentante Comitato residenti Colleferro

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento