Valle Del SaccoToday

Colleferro, giro di fideiussioni false per oltre 170 Mln. In due finiscono in carcere

Sono in corso di notifica in questi giorni da parte dei militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza dell’Aquila tre ordinanze di custodia cautelare ed un provvedimento di divieto

Sono in corso di notifica in questi giorni da parte dei militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza dell’Aquila tre ordinanze di custodia cautelare ed un provvedimento di divieto

dell’esercizio dell’attività professionale emessi dal GIP su richiesta della Procura della Repubblica dell’Aquila nei confronti di altrettanti soggetti responsabili dei reati di truffa aggravata, associazione per delinquere, abusiva attività finanziaria, false comunicazioni sociali, formazione fittizia del capitale, ostacolo all’esercizio delle funzioni di vigilanza e di dichiarazione infedele.

Gli arrestati sono l’ Amministratore Delegato, il Presidente del Collegio Sindacale e il Presidente del Consiglio d’Amministrazione della Confideuropa S.c.p.a., con sede legale a L’Aquila ed unità operativa a Colleferro S.c.p.a.

La vicenda è iniziata nell’aprile 2014 grazie all’indagine delle Fiamme gialle a seguito di due segnalazioni: l’una proveniente dalla Banca d’Italia, concernente il presunto esercizio abusivo dell’attività svolta dalla Confideuropa S.c.p.a. e l’altra dal Nucleo Speciale Polizia Valutaria della Guardia di Finanza, avente ad oggetto alcune operazioni bancarie sospette poste in essere dal suo Presidente del Consiglio d’Amministrazione. Da subito è emerso che la società controllata aveva emesso un numero elevatissimo di fideiussioni nei confronti del pubblico, non possedendo i requisiti di legge per farlo. Venne, in seguito ad ulteriori ed approfondite indagini, accertato che le garanzie erano state prestate in favore di soggetti fisici e giuridici non consociati ed enti pubblici in palese violazione delle norme contenute nel Testo Unico Bancario. La Confideuropa, si era così sottratta alla vigilanza della Banca D’Italia, occultando il reale oggetto sociale. Le indagini hanno permesso di accertare che le assemblee della società non si erano mai effettivamente tenute, specie quelle nelle quali veniva deliberato il ripianamento delle perdite o l’aumento del capitale sociale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel ripianamento delle perdite erano infatti state coinvolte società fallite o sottoposte a sequestro e gli aumenti di capitale sociale effettuati attraverso la costituzione di un Fondo di Garanzia Consortile, per un valore nominale pari a quasi 10.000.000 di euro,in cui confluivano i crediti “fittizi” delle medesime società fallite o sequestrate ed erano solo il presupposto per ulteriori truffe a danni sia di soggetti pubblici che privati. Infatti i soggetti commercializzavano polizze fideiussorie fittizie, prive di copertura finanziaria, traendo in errore e danneggiando non soltanto i contraenti delle singole polizze (che pagavano un premio per una garanzia inesistente), ma anche i beneficiari finali delle polizze stesse che non avrebbero mai potuto procedere all’escussione. Nel momento del tentativo di escussione della garanzia c’erano sempre svariati tentativi di varia natura, di dilazionare nel tempo il pagamento nei confronti del garantito, continuando a vendere nuove polizze e ad incassare nuovi premi.Fatto sta che la Confideuropa ha rilasciato dal 2011 al 2015 polizze fideiussorie garantendo capitali per oltre 170.000.000 milioni di euro, incassando premi per quasi 3.000.000 di euro. Gli investigatori, hanno accertato anche l’occultamento di materia imponibile per 900.000 euro circa costituita dall’incasso dei premi derivanti dall’attività finanziaria abusivamente svolta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento