menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Castrogiovanni

Castrogiovanni

Colleferro, in 400 al King a cena con l'idolo del rugby Martin Castrogiovanni

Una cena con ospite d'onore per oltre 400 persone. Ieri sera presso lo Sporting Club King in centinaia hanno raccolto l'invito della dirigenza del Museo del Rugby di Colleferro per conoscere le attività stesse del Museo, prepararsi al 6 Nazioni di...

Una cena con ospite d'onore per oltre 400 persone. Ieri sera presso lo Sporting Club King in centinaia hanno raccolto l'invito della dirigenza del Museo del Rugby di Colleferro per conoscere le attività stesse del Museo, prepararsi al 6 Nazioni di Rugby che approda a Roma proprio sabato

prossimo allo Stadio Olimpico e, non ultimo, per conoscere il pilone della nazionale della palla ovale, Martin Castrogiovanni, idolo dei tifosi di questo nobile sport. Castro è proprio il più amato tra gli azzurri di Bunuel e dietro la sua stazza, 120 chili di muscoli e capelli arruffati, si nasconde un cuore grande. E ieri sera ha dimostrato proprio questo suo aspetto. Preso d'assalto dalle centinaia di presenti alla cena organizzata per raccogliere fondi a favore della Fondazione Museo del Rugby Fango e Sudore di Colleferro, non ha negato sorrisi, saluti, battute, foto ad ognuno dei presenti, fino a tarda notte si è messo a disposizione degli ospiti, bambini del mini rugby delle squadre locali, amici, giornalisti che non mancano gli appuntamenti organizzati di sovente da Corrado Mattoccia, ideatore e fondatore del primo museo che vede al suo interno, maglie, trofei, oggetti appartenuti a chi ha fatto grande questo sport. Un lavoro di squadra anche questo, dall'organizzazione, all'accoglienza delle persone, alla cucina. Un lavoro di squadra che porta sempre grandi risultati come quello di ieri sera.

Chi è Martin Castrogiovanni: Trentatré anni, più di cento partite in maglia azzurra, 7 anni a Leicester con i maestri inglesi e ora da due stagioni nello stellare club francese di Tolone. Uno dei più grandi giocatori della storia con organi argentine. L'unico rugbista che non beve birra perché celiaco. Fidanzato con Giulia Candiago, campionessa di sci.

GC

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento