Valle Del SaccoToday

Colleferro, “Termovalorizzatori spenti ma l’aria resta malsana”

In una nota il consigliere comunale Riccardo Nappo fa il punto dei dati dell’Arpa dopo 55 giorni dall’inizio dell’anno

“Sono passati appena 55 giorni dall’inizio del 2019 e le centraline ARPA per il rilevamento degli agenti inquinanti hanno già segnalato 21 sforamenti. In pratica in questi due mesi in almeno 1 giorno su 3 i colleferrini hanno respirato aria malsana”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Queste le dichiarazioni del consigliere comunale di Colleferro Riccardo Nappo che poi continua: “Questo è un dato che dovrebbe seriamente preoccupare chi governa la nostra città, anche alla luce del fatto che per non superare il limite di 35 giorni annui che ci impone la legge da oggi al 31 dicembre Colleferro non potrà avere più di 14 sforamenti. Un limite che, vista la tendenza, ovviamente non saremo mai in grado di rispettare.

I termovalorizzatori sono spenti

Ma se i termovalorizzatori sono spenti ormai da 3 anni uno e 2 anni l’altro a chi vuole imputare il nostro prode sindaco il superamento delle PM10? I tantissimi Camion diretti in discarica per riempirla tutta alla fine del 2019? Forse Sanna farebbe bene a concentrarsi sui veri agenti inquinanti di questa città come autovetture, sistemi di riscaldamento e caldaie, cercando di trovare una soluzione efficace nell’interesse dei cittadini invece di continuare a demonizzare i termovalorizzatori al solo scopo di alimentare il suo consenso tra le associazioni ambientaliste che hanno dato un contributo fattivo e sostanziale alla sua elezione a sindaco 4 anni fa. Analizzare subito e discretizzare il nostro territorio per comprenderne le vere criticità è la nostra richiesta.  Subito”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento