menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Davide Barillari

Davide Barillari

Collefferro, il 5stelle Barillari visita l'ospedale ma viene bloccato da una telefonata

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: Per un chiarimento su cosa è successo stamattina nell 'ospedale di Colleferro è bene che rimettiamo in ordine cronologico gli avvenimenti. Alcune situazioni del nosocomio di Colleferro sono paragonabili a veri e propri...

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: Per un chiarimento su cosa è successo stamattina nell 'ospedale di Colleferro è bene che rimettiamo in ordine cronologico gli avvenimenti. Alcune situazioni del nosocomio di Colleferro sono paragonabili a veri e propri gironi, caratterizzati da presupposti di precarietà, nonostante le ingenti spese effettuate per la costruzione di una nuova ala e per il rifacimento di più locali.

Continuano a coesistere infatti problematicità pericolose anche per le persone che vi lavorano. Nel frattempo ci siamo visti depredare di servizi essenziali che hanno avuto lo scopo di ridurre la buona funzionalità della Sanità cittadina. Vere e proprie rapine che vogliamo ricordare:

-Trasferimento del centro trasfusionale

-Servizio di Radiologia ridotto nelle ore notturne e festivi

-Trasferimento del servizio di Endoscopia digestiva

-Prossimo trasferimento del Reparto di Ostetricia-Ginecologia e Pediatria

-Reparto di Pronto Soccorso in crisi per scarsità di personale

-Sala operatoria che chiude alle 14

- Reparto di Rianimazione mai aperto

-Servizio di Neurologia soppresso

-800 m di area ristrutturata per Laboratorio Analisi (con macchinari mai arrivati) parzialmente destinabili al prossimo Reparto Psichiatrico.

-Centro prelievi sotto-dimensionato, diminuisce il numero di prelievi giornaliero nonostante il servizio si sia esteso ai cittadini di Anagni. Il Movimento 5 Stelle di Colleferro, Artena, Segni e Carpineto hanno deciso di effettuare un ispezione all'ospedale con Davide Barillari consigliere regionale (M5S) membro della commissione politiche sociali e salute, il quale ha parlato con i responsabili del pronto soccorso, di oncologia, di nefrologia, di ostetricia, interessandosi anche dell'incidenza dei tumori, Ha riscontrato collaborazione da parte di infermieri medici, FIN QUANDO UNA TELEFONATA HA BLOCCATO TUTTO! impedendo così a un cittadino consigliere Regionale in commissione sanità di conoscere lo stato di un ospedale pubblico. Si rafforza così il dubbio, che tutto quello che sta avvenendo sia un tentativo scellerato per arrivare a PRIVATIZZARE la Sanità a Colleferro? COMUNICATO dei Meetup 5 Stelle di Colleferro, Segni, Artena e Carpineto Romano a proposito della visita all'ospedale di Colleferro con il Consigliere regionale M5S (membro Commissione Politiche sociali e salute). Segue la Nota del consigliere Regionale Barillari "Il Movimento 5 Stelle da un anno e mezzo riceve segnalazioni e appelli dai cittadini che vorrebbero una sanità efficiente e trasparente. Per questo in tutti questi mesi abbiamo ascoltato le idee trasformandole in proposte che abbiamo portato in regione. Nessuna è mai stata presa in considerazione. Nonostante questo abbiamo continuato a parlare direttamente con i medici e gli operatori delle strutture sanitarie per capire, ospedale per ospedale e reparto per reparto, le esigenze, i problemi, le criticità. Pensavamo che tutti lavorassimo per migliorare la sanità pubblica, chi nel ruolo di cittadino che si aspetta un'assistenza di qualità, chi nel ruolo di consigliere regionale che verifica, controlla e legifera, e chi nel ruolo di direttore generale che programma e amministra.

Ma gli interessi evidentemente sono diversi. Oggi sono stato a Colleferro, un ospedale depotenziato a rischio trasferimento, situato nella valle del Sacco, dove la politica ha coperto per decenni un danno ambientale incommensurabile".

Così, in una nota, il consigliere regionale del M5S Davide Barillari.

"Abbiamo parlato con i responsabili del pronto soccorso, di oncologia, di nefrologia, di ostetricia. Abbiamo parlato anche dell'incidenza dei tumori a Colleferro - prosegue la nota - riscontrando collaborazione da parte di infermieri medici, fin quando una telefonata ha bloccato tutto. Non abbiamo potuto visitare i reparti di radiologia, ridotto nelle ore notturne e festivi, non abbiamo potuto visitare il reparto di endoscopia e il centro trasfusionale, a rischio trasferimento. Non abbiamo potuto visitare il reparto di rianimazione mai aperto, il servizio di neurologia soppresso, il reparto psichiatrico e il centro prelievi. Una telefonata ha bloccato tutto, impedendo a un cittadino consigliere regionale in commissione sanità di conoscere lo stato di un ospedale pubblico. Spero sia l'ultimo, spero nella collaborazione tra cittadini, politica e operatori sanitari".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento