Colleferro Paliano

Paliano, Mov. Civ.; sulla discarica non facciamoci prendere in giro dai sindaci

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: Sul rinnovo dell’Autorizzazione Integrata Ambientale alla discarica di Colle Fagiolara, che potrà così restare aperta e funzionare  fino al 2022, noi del Movimento Civico abbiamo detto la nostra.

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: Sul rinnovo dell'Autorizzazione Integrata Ambientale alla discarica di Colle Fagiolara, che potrà così restare aperta e funzionare fino al 2022, noi del Movimento Civico abbiamo detto la nostra.

Purtroppo temiamo fortemente che la discarica NON possa chiudere nel 2019. I sindaci di Colleferro, Genazzano e Paliano però, hanno oggi diffuso un comunicato nel quale si dicono certi che chiuderà, attribuendo al triennio 2019-2022 le operazioni post-mortem . A rigor di logica, le operazioni post-mortem dovrebbero essere fatte, appunto, dopo la morte della discarica, e non quando questa è autorizzata per funzionare. Chi ci assicura che non verrà usata, dopo il 2019, date le continue emergenze rifiuti a cui assistiamo continuamente?

Secondo Sanna, Ascenzi e Alfieri, dobbiamo stare tutti tranquilli e imparare a leggere e interpretare gli atti amministrativi. Nel loro comunicato affermano con molta sicurezza che la data del 2019, prevista per la chiusura, è certa perché indicata nella Legge di Stabilità Regionale, all'art. 85.

Siamo andati a leggere l'articolo 85? Ma vi si legge soltanto quello che segue:

"Art.85. La Giunta regionale, entro sessanta giorni dall'entrata in vigore della presente legge, approva, sentita la competente commissione consiliare, un piano nell'ambito del quale siano definite:

  1. a) le procedure per la chiusura della discarica di Colle Fagiolara all'esaurimento della capienza residua e comunque non oltre un triennio;
  2. b) le caratteristiche dell'intervento di ristrutturazione dell'attuale impianto finalizzato a coprire il fabbisogno territoriale residuo a fronte dell'aumento della quota di raccolta differenziata e tale da assicurare, anche attraverso l'introduzione di specifici sistemi di rilevamento e comunicazione di dati, la massima tutela della salute e salvaguardia dell'ambiente;

  3. c) le modalità previste per la salvaguardia dei livelli occupazionali del personale attualmente impegnato nei servizi e negli impianti."

Ora, a noi non risulta che nei sessanta giorni successivi al 31 dicembre 2016 ( data di pubblicazione della Legge di Stabilità) la Regione abbia approvato un piano che definisse le procedure per la chiusura di Colle Fagiolara, o il tipo di intervento per la sua ristrutturazione (???) o ancora le modalità per salvaguardare i posti di lavoro.

Se le cose stanno così? ci sarebbero gli estremi per diffidare la Regione Lazio e chiedere alla Giunta l'approvazione del Piano di cui sopra, dato che i 60 giorni sono passati da un po'; ma a questo punto, volendo, si potrebbe impugnare il rinnovo AIA di questi giorni, dato che contrasta con lo stesso articolo 85 della Legge Regionale di Stabilità 2017!

In ogni caso non sembriamo essere noi, a non sapere ( o volere? ) interpretare quanto emana la Regione?

E proprio per questo non possiamo dormire sonni tranquilli!

I sindaci si mettano davvero al fianco dei cittadini, e non al servizio della solita paleopolitica!

Paliano, 18 aprile 2017 Movimento Civico Paliano

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paliano, Mov. Civ.; sulla discarica non facciamoci prendere in giro dai sindaci

FrosinoneToday è in caricamento