menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, salgono a cinque i contagiati a Colleferro ed il sindaco annuncia nuove restrizioni

La persona è stata messa in isolamento domiciliare. Vietato allontanarsi oltre 200 metri dalla propria abitazione

Sale a cinque il numero dei contagiati dal Coronavirus a Colleferro che di fatto è la terza città per numero di persone positive e con il covid 19 nelle zone a sud di Roma dopo i 16 di Artena ed i nove di Carpineto Romano. La conferma, come sempre avviene in questi casi dal canale social dell’amministrazione comunale: "Il Sindaco è stato appena informato dalla ASL-RM 5 che un/a quinto/a nostro/a concittadino/a è risultato/a positivo/a al COVID-19. Il/la paziente è in isolamento presso il proprio domicilio; sono state già avviate tutte le indagini epidemiologiche. Il Sindaco, sentito il DG, sta prendendo immediatamente contatto col Servizio Igiene e Sanità Pubblica del Dipartimento di Prevenzione- Asl RM5, con il quale concordare le azioni di protezione della collettività che il caso dovesse necessitare. Esprimiamo tutta la nostra vicinanza al/la signore/a ed alla sua famiglia. Chiediamo a tutti di osservare con rigore tutte le prescrizioni e solo gli avvisi di natura istituzionale".

La nuova ordinanza del sindaco Sanna

“Visto che la situazione questa mattina non è migliorata, concordemente con Polizia Locale, Polizia di Stato e Arma dei Carabinieri, ho emesso una nuova ordinanza che limita a 200 metri massimi dalla propria abitazione il concetto di prossimità. So che è difficile, capisco quanto sia una vera sofferenza stare chiusi in casa per settimane”.

Il richiamo a stare a casa alle persone anziane

“I dati di questi ultimi due giorni – ha ulteriormente precisato Sanna su facebook - riguardo le presenze in strada, anche dei più anziani, non sono però accettabili! Non possiamo cedere ora, non possiamo smettere di essere ordinati e virtuosi rispetto alle disposizioni proprio in questo momento!

Finora siamo stati “lambiti” dal virus; forse proprio perché il comportamento della nostra Comunità ed il sistema dei controlli sono stati impeccabili. Ci sono in azione servizi di consegna della spesa effettuata dalla Croce Rossa, consegna dei farmaci, assistenza domiciliare tradizionale, assistenza domiciliare leggera, consegne a domicilio di qualsiasi tipo di merce autorizzata da parte di una trentina di esercizi che lo stanno facendo: che motivo abbiamo per cedere all’uscita facile? Per cedere proprio ora?”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lazio in zona gialla? I numeri dicono di sì, ma...

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Incontro con Simone Frignani, il costruttore di cammini!

  • Attualità

    Le 'ciocie' tra storia e curiosità

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento