rotate-mobile
Sabato, 20 Aprile 2024
Valle Del Sacco

Scoperto un museo occulto di reperti archeologici dalla finanza

Ora sono stati affidati in custodia al Museo Archeologico Comunale di Colleferro. Sono databili a partire dal periodo cretaceo ed altri tra il IX secolo A.C. ed il XIX secolo D.C.

Da una parte all’altra della provincia romana e dall’illegalità alla musealizzazione, questo il percorso fatto da alcuni reperti che da Ostia sono finiti nel museo archeologico romano grazie al fiuto degli uomini delle fiamme gialle.

I finanzieri del comando provinciale di Roma hanno scoperto e sequestrato una collezione privata di oltre 7.000 beni di interesse storico/archeologico,proposti per la vendita a facoltosi acquirenti in cerca di possibili investimenti,tramite un catalogo fotografico.

Le Fiamme Gialle della Compagnia di Colleferro hanno rinvenuto, nel corso di una perquisizione eseguita di iniziativa presso un’abitazione situata a Lido di Ostia, una vera e propria galleria d’arte in cui erano esposti in apposite teche in legno e vetro - catalogati accuratamente - fossili, anfore, vasellame e statue in terracotta e ceramica, armi, oggetti sacrali, ornamenti in oro, argento, bronzo, avorio ed osso, strumenti medico-chirurgici ed oltre 4.000 monete in oro, argento e bronzo.

I reperti, affidati in custodia al Museo Archeologico Comunale di Colleferro, sono databili a partire dal periodo cretaceo per quanto riguarda i fossili, mentre gli altri sono risalenti al periodo compreso tra il IX secolo A.C. ed il XIX secolo D.C..

L’operazione si è conclusa con la denuncia di un soggetto alla Procura della Repubblica di Velletri per riciclaggio e violazione alle norme a tutela del patrimonio storico/archeologico.

Il provvedimento è stato adottato allo stato delle attuali acquisizioni probatorie e, in attesa di giudizio definitivo, vale la presunzione di non colpevolezza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scoperto un museo occulto di reperti archeologici dalla finanza

FrosinoneToday è in caricamento