Martedì, 26 Ottobre 2021
Paliano Paliano

Paliano, fossi e strade da pulire il comune è il primo a disattendere la sua ordinanza. Cresce il malcontento

Che le strade, i fossi e  lecunette debbano essere puliti prima che arrivino i grandi temporali estivi è cosa giusta e sacrosanta e bene ha fatto il selfiemanico sindaco di Paliano  ad emettere l’ordinanza, affinche per chi non interviene lo fa il...

Che le strade, i fossi e lecunette debbano essere puliti prima che arrivino i grandi temporali estivi è cosa giusta e sacrosanta e bene ha fatto il selfiemanico sindaco di Paliano ad emettere l'ordinanza, affinche per chi non interviene lo fa il comune ma addebitandogli le spese con tanto di multa.

Forse è una delle poche cose giuste che ha fatto finora il nostro selfiemaniaco, dimenticando però, che prima di emettere questa ordinanza, avrebbe dovuto far pulire i muri, i fossi e le cunette comunali, perché altrimenti da il cattivo esempio e la cosa ovviamente non va bene.

Poi che dire dei vicoli del centro di Paliano, sui quali spesso siamo sollecitati dalla gente, abitanti o passanti, che ci invitano a denunciare lo stato di abbandono per quanto riguarda le pulizie dell'erba che ormai sta crescendo ad ogni angolo della città come sulle mura del carcere (vedi foto in basso).

Ma oltre alla pulizia sono tante altre le cose che non vanno in paese. Molte le proteste che ci giungono dagli abitanti di Via Garibaldi dove c'è una grata che fa rumore al passaggio delle auto a tutte le ore e la notte non si dorme più e la gente, oramai, è esasperata.

Ci sono delle grosse buche presenti all'ingresso delle case popolari, il comune dovrebbe fare un piccolo sforzo per tapparle perchè sono proprio all'ingresso della strada che immette nel viale delle abitazioni. Sappiamo che è competenza dell'ATER e quindi il consigliere provinciale e selfiemaniaco sindaco potrebbe chiedere aiuto al suo "compagno" di partito Ciotol (ex sindaco di Ceccano).

Giancarlo Flavi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paliano, fossi e strade da pulire il comune è il primo a disattendere la sua ordinanza. Cresce il malcontento

FrosinoneToday è in caricamento