menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Paliano, Mov. Civico; il grande bluff dei democratici...solo di nome

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: Lo ribadiamo ancora una volta, qualora ce ne fosse bisogno: realizzare il campo in erba sintetica era una delle opere che avevamo messo in programma nel nostro mandato elettorale. La  differenza sta nella scelta

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: Lo ribadiamo ancora una volta, qualora ce ne fosse bisogno: realizzare il campo in erba sintetica era una delle opere che avevamo messo in programma nel nostro mandato elettorale. La differenza sta nella scelta

del momento, totalmente sbagliato, in cui realizzare l'opera. Non è un finanziamento pubblico, come ci vogliono far credere, ma è un mutuo a totale carico del Comune di Paliano, contratto fregandosene altamente delle numerose priorità di cui necessita, oggi, la nostra comunità.

Dalle alte sfere del Pd locale ci arriva la rabbiosa accusa di essere miopi e di non avere un modello di sviluppo del paese, solo per aver espresso contrarietà a questa scelta. A parte il fatto che Paliano si estende anche oltre la zona del campo sportivo, possiamo provare a spiegare una parte della nostra idea.

Magari noi avremmo continuato ad investire sulla scuola, così come abbiamo fatto con la mensa scolastica e con la costruzione della nuova struttura per l'infanzia: perché sono i nostri giovani il vero sviluppo turistico di cui necessita la nostra comunità. Avremmo continuato a dare spazio alla cultura. E certamente avremmo continuato ad investire sull'ambiente, così come abbiamo fatto negli anni della nostro governo, con atti chiari e coerenti che sono tuttora verificabili.

Di sicuro a quest'ora i cittadini avrebbero avuto la possibilità, se la Strategia Rifiuti Zero non avesse subito rallentamenti, di pagare per la sola quantità di indifferenziato prodotto, quello che viene ritirato il venerdì, e non, come ora avviene, di sborsare ancora cifre spropositate che scoraggiano i cittadini stessi, demotivandoli. Avremmo senz'altro investito sul commercio, sulle piccole attività che operano sul nostro territorio, per sostenerle in questo momento di crisi. E tutto ciò pur non potendo contare sui contributi dell' istituto di credito locale, notoriamente incline a favorire tutto quanto venga proposto da una sola parte politica. Certo, da questi amministratori non potevamo aspettarci che la valorizzazione del nostro territorio potesse passare ad esempio per la valorizzazione del marchio comunale, completamente abbandonato, nel portare avanti il Progetto Open Data, progetto chiave per lo sviluppo del turismo, nel sostenere l'Albergo Diffuso che NOI abbiamo voluto, nel

continuare il rifacimento del centro storico, passato in secondo piano, nell'ottimizzazione del risparmio energetico dell'illuminazione pubblica, come da noi iniziato con l'installazione di lampade a led che ha portato in un solo anno un risparmio di decine di migliaia di euro. Se solo avessero studiato un po', e badato meno ad accontentare i loro adepti, si poteva programmare in modo completamente diverso il rifacimento del campo in erba e, magari, solo con il risparmio energetico il campo lo avremmo ottenuto gratis. Non possiamo aspettarci idee lungimiranti da chi non guarda agli interessi della collettività ma cerca solo di accontentare parte dei propri elettori. Ma è così che il potere mette radici.

Ma se la loro idea di turismo è il rifacimento del campo in erba, possiamo stare tranquilli. Orde di turisti presto invaderanno Paliano, e la nostra economia magicamente si risolleverà. Del resto abbiamo già visto cosa ne hanno fatto della Selva: da Maggio ad oggi nulla, lo zero più assoluto, nessuna manifestazione, servizi igienici inesistenti, bar chiuso e turisti che hanno inviato mail di protesta lamentando lo stato del più completo abbandono. Tanto lavoro fatto per nulla. Per fortuna però tra un po'avremo l'erba sintetica al campo sportivo, quei turisti potremo dirottarli lì.

Sull'AMEA poi ci dicono che ha un passivo di bilancio di ? 260.000.

Bene, dovrebbero ringraziarci visto che quando l'abbiamo ereditata aveva un passivo di circa ? 700.000. Non parliamo poi dell'ARKESIA, argomento sul quale ci chiediamo se la loro sia falsità o semplicemente pura ignoranza. Eppure ormai anche i sassi lo hanno capito... E allora ricominciamo: E' stata ereditata con un bilancio in passivo di ? 320.000, sull'orlo del fallimento, e in soli 3 anni è stata portata a chiudere con un bilancio in attivo di ? 8.200 che ne ha consentito una vendita a ? 550.000. I signori della maggioranza, lo avranno capito o no? E visto che adesso sono loro gli amministratori, e non hanno nulla da temere, perché non si confrontano pubblicamente? Così spieghiamo alla comunità come mai si trova a pagare danni per circa 2 MILIONI DI EURO causati da un disastroso piano aziendale messo in atto proprio dal loro amato PD negli ultimi 10 anni! Magari spieghiamo le decine di migliaia di euro che il comune di Paliano ha dovuto spendere negli ultimi anni per pagare gli avvocati, per decine di cause assurde, messe in piedi non si sa con quale criterio, che non hanno portato a nulla! Ma già, adesso c'è il campoin erba sintetica che risolverà tutto! E chissà se, oltre all'erbetta, la loro idea di sviluppo comprende anche l'aumento delle strisce blu? Certo che se fossimo tra coloro che hanno firmato la petizione avviata dall'attuale sindaco, quando era ancora consigliere, contro le strisce blu, ci sentiremmo un po' presi in giro.. A molti di voi invece deve essere sembrato normale, vero? Prima raccoglie le firme per la cancellazione, poi diventa sindaco e ricopre il paese di strisce blu, aggiungendo anche i parchimetri per essere certo di incassare moneta, e rimangiandosi tutto! Credibile e coerente, sissì. Cari amministratori, se amate questo paese, e dite di volergli del bene allora finitela, basta bugie, non è sufficiente sfilare dietro ogni processione, presenziare a tutti i raduni dove siano presenti più di venti persone, dare pacche sulle spalle alla gente o pubblicare tutti giorni foto promozionali... Serve uno sforzo superiore e serve anche un po' di coraggio, cosa che continua a mancarvi, altrimenti avreste già accettato i nostri numerosi inviti ad un confronto pubblico per mettere a tacere, una volta per tutte, le barzellette che continuate a raccontare. Del resto il confronto è il sale della democrazia, e voi, almeno nel nome, siete democratici ?o è un bluff?

Movimento Civico Paliano

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento