menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La Selva Alberi pericolanti

La Selva Alberi pericolanti

Paliano, Mov. Civico; oggi il Parco della Selva va all'asta mentre continua a morire tra il menefreghismo generale

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: Noi del Movimento Civico abbiamo priorità totalmente diverse da questa Amministrazione... per loro è importante l'erbetta sintetica del campo sportivo, per noi è fondamentale La Selva quale unico sbocco turistico...

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: Noi del Movimento Civico abbiamo priorità totalmente diverse da questa Amministrazione... per loro è importante l'erbetta sintetica del campo sportivo, per noi è fondamentale La Selva quale unico sbocco turistico commerciale perrisollevare l'economia di tutto il nord della Ciociaria.

Visto l'immobilismo degli amministratori palianesi, la totale mancanza di informazioni riguardo l'asta che il giorno 8 Marzo riguarderà la zona dei laghetti, e di Cascina Paola, ci siamo mossi in autonomia cercando di ricevere informazioni più dettagliate da chi aveva già gestito precedentemente l'acquisto degli altri lotti de La Selva.

Abbiamo insistito affinché venissero interpellati i Ministri dell'Ambiente e della Tutela del Territorio, e quello delle Politiche Agricole e Forestali. Siamo riusciti ad ottenere una Interrogazione Parlamentare (in fondo).

Mentre, qui a Paliano, non riusciamo a capire il completo menefreghismo per un bene così prezioso del nostro territorio, che con tanta fatica, l'Amministrazione Sturvi stava cercando di riportare alla luce. Non comprendiamo come da una parte ci si professi profondi estimatori de La Selva, si organizzino manifestazioni (peraltro fallimentari) sui terreni dei privati, si facciano grandi proclami di rilancio , e dall'altra si lasci il Parco nello stato del più completo abbandono se non per ricordarsene il solo giorno di Pasquetta, tanto per fare propaganda e selfie.

Non comprendiamo come la Regione Lazio , per bocca del neo Assessore Buschini (PD), proclami la nascita di altri 5 nuovi Monumenti Naturali e poi lasci MORIRE il nostro Monumento Naturale La Selva di Paliano e Mola Piscoli. Non comprendiamo come la Regione Lazio col suo presidente Zingaretti si dica pronta ad investire denaro e poi lasci chiudere i cancelli de La Selva dal curatore fallimentare, per non aver pagato un affitto di soli 12 mila euro.

Se questi sono quelli che dovrebbero rilanciare il Parco prepariamoci al peggio.

Movimento Civico Paliano

Inoltre in questi giorni l'On Polverini ha presentato un'interrogazione al Ministro dell'Ambiente che vi proponiamo qui di seguito.

Al Ministro dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare

Al Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali

Per sapere premesso che:

-la Selva di Paliano rappresenta un patrimonio unico da salvaguardare, di grande interesse ambientale e naturalistico e con rilevanti potenzialità sotto il profilo di una economia sostenibile;

-la Regione Lazio, con il Decreto del Presidente del 3 Novembre 2011, n. 361, aveva Istituito il Monumento Naturale "Selva di Paliano e Mola di Piscioli" al fine di sottrarre quella vasta area di territorio alla speculazione edilizia incombente;

-la Regione Lazio impegnava e spendeva circa sei milioni di euro - nel Gennaio del 2011 - per aggiudicarsi, tramite esecuzione immobiliare del Tribunale di Frosinone, circa 60 ettari di terreno all'interno dell'area in questione comprese le rispettive competenze immobiliari;

-nel mese di Settembre del 2011 la Regione Lazio acquistava altri 42 ettari, quasi esclusivamente seminativi, per un valore di 919.339,75 euro;

-complessivamente gli acquisti avvenivano a prezzi pari a circa il 60% dei valori di stima, peraltro risalenti al 2008;

-la frammentarietà della proprietà e i vari giudizi e procedure esecutive pendenti sull'area in questione avrebbero dovuto indurre la Regione a proseguire e implementare l'acquisizione dei terreni rimasti per scongiurare definitivamente un uso urbanistico incongruo;

Constatato che:

  • l'inerzia della Regione Lazio rispetto alle problematiche sopra esposte sta, invece, mettendo nuovamente a rischio speculazione un'area di incomparabile bellezza;

    -il Tribunale di Frosinone ha nel frattempo messo i sigilli a quello che resta del "Parco degli Uccelli" in quanto la Regione Lazio non ha corrisposto alla proprietà ben due anni di fitto arretrati per un valore di soli 12.009 euro;

    -a causa di questo comportamento della Regione e nella sostanziale indifferenza delle istituzioni locali, a cominciare dal prossimo 8 marzo inizierà la procedura per la vendita all'asta della Cascina Paola e del Parco Uccelli, di ben 44 ettari

Interroga:

Il Ministro dell'Ambiente e quello dell'Agricoltura per sapere se intendano stanziare dei fondi al fine di scongiurare che un patrimonio unico e irripetibile come quello della Selva di Paliano possa finire in mano ai privati compromettendo così uno sviluppo economicamente sostenibile in un territorio già gravato da pesanti inquinamenti ambientali e urbanistici

On. le Renata Polverini

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento