Valle Del SaccoToday

Paliano, squadra di ciclisti ciociari apprezzata al novecolli di Cesenatico

La quarantaseiesima edizione della novecolli si é disputata  a Cesenatico con la consueta straordinaria partecipazione ed organizzazione, impeccabile in ogni suo aspetto.

Novecolli

La quarantaseiesima edizione della novecolli si é disputata a Cesenatico con la consueta straordinaria partecipazione ed organizzazione, impeccabile in ogni suo aspetto. Dopo alcune sporadiche apparizioni fatte indossando divise di altre società, quest'anno i ciclisti palianesi si sono presentati al via con una folta rappresentanza e soprattutto con addosso i colori sociali, esposti all' attenzione internazionale attraverso una maglia che ha riscosso notevoli apprezzamenti tra gli atleti in gara. Per la cronaca sportiva c'e' da rilevare la straordinaria prova sui 204 km di Alessandro che per pochi minuti non e' riuscito a cogliere la griglia di merito per il prossimo anno (e pensare che, in barba alla gara, ha accompagnato i propri amici per i primi venti km perdendo tempo prezioso). Sarebbe stato il giusto coronamento di una stagione che lo vede sempre più bravo e soprattutto mentalmente preparato alle sfide importanti che dal prossimo anno affronterà con la squadra palianese . A poco più di dieci minuti da Alessandro è arrivato Gianni che, qualora c'è ne fosse stato bisogno, ha ancora una volta dimostrato che è un talento naturale dalle risorse fisiche eccezionali. Un discorso a parte per Antonio Spila, Maurizio Sanelli, Fabio Massimiani ed Alfredo Lolli che hanno unito le proprie forze e soprattutto i reciproci incitamenti per affrontare uno sforzo mai provato, sia in allenamento che in gara, quindi con non pochi timori iniziali. Tuttavia il nostro puma ha avuto modo di mettere in mostra le proprie graffianti pedalate su tutte le pendenze dei colli Il nostro rammarico e' di averlo sacrificato troppo per rimanere uniti perchè era in forma smagliante su un percorso che avrebbe esaltato le sue caratteristiche (3800m di dislivello finale). Commovente e nello stesso tempo unica la prova di Antonio che, colpito da crampi dopo 120 km, ha deciso di proseguire la gara per altri 85 km gestendo il malessere con molta bravura, ma soprattutto dando esempio di sacrificio ed umiltà senza essere di peso per nessuno. Fedele scudiero al suo fianco sulle salite un generoso Alfredo, sempre pronto ad incoraggiarlo, mentre Maurizio cercava invano di rincorrere il puma. Dal punto di vista sportivo c'è di rilevante la prestazione degli ultimi 25 km di pianura che tutti assieme, soprattutto con la forza di Maurizio e Fabio, sono riusciti a scappare dal gruppo della AS ROMA viaggiando ad una media di 35 orari arrivando sul traguardo applauditi da tanti amanti del ciclismo che sanno cosa significa fare la novecolli di 204 Km. Una emozione da vivere almeno una volta nella vita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Paliano, è morto l’imprenditore Umberto Schina

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

  • Coronavirus, oggi si deciderà se la Ciociaria e il resto del Lazio entreranno in zona arancione o meno

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento