Valle Del SaccoToday

Piglio, 2 Giugno festa della Repubblica Italiana insieme a settantenni

Intanto che a  Roma, nei fori imperiali, il 2 Giugno, sfileranno per la prima volta, forse su desiderio del Presidente Sergio Mattarella, 400 sindaci con la fascia tricolore per celebrare la Festa della Repubblica, nata col referendum (Monarchia o...

Monumento ai caduti

Intanto che a Roma, nei fori imperiali, il 2 Giugno, sfileranno per la prima volta, forse su desiderio del Presidente Sergio Mattarella, 400 sindaci con la fascia tricolore per celebrare la Festa della Repubblica, nata col referendum (Monarchia o Repubblica?) del 2 Giugno 1946 che compie 70 anni, a Piglio, invece, il 70° anniversario della nascita della Repubblica Italiana, verrà festeggiato in un modo del tutto singolare. L’Assessore alla Cultura Domenica Celletti e il sindaco di Piglio avv. Mario Felli, oltre a rendere omaggio ai caduti di tutte le guerre con due corone di alloro che verranno benedette dal parroco don Gianni, una davanti la Lapide sita nell’Arco della Fontana e l’altra davanti il Monumento dei caduti, vogliono festeggiare la nascita della Repubblica Italiana con i pigliesi che compiono 70 anni nell’anno 1946 insieme al documento storico nel quale venivano proclamati eletti i seguenti consiglieri con il Verbale n. 1 del 13 Aprile 1946 e precisamente:

Francesco Spirito, Ludovico Bottini, Vittorio Massimi, Andrea Fantini, Giovanni Graziani, Nazzareno Celletti, Loreto Simeoni, Francesco Ceccaroni, Andrea Cataldo Scussa, Alfredo Loreti, Umberto Carapellotti, Domenico Lolli, Luigi Atturo, Carlo D’Ippoliti, Lucio Colavecchi, Sante Ceccaroni, Felice Roazzi, Pasquale Iadicicco, Raniero Massimi e Luigi Federici, a seguito dei risultati delle elezioni comunali svoltisi a Piglio il 17 Marzo 1946 e successivamente con il Verbale n° 2 sempre del 13 Aprile 1946 n° 2192/19 del Registro delle Deliberazioni del Comune di Piglio, a firma del Prefetto Siragusa e del Segretario Comunale Fabozzi, veniva eletto sindaco di Piglio il Sig. Francesco Spirito (alias Checco Grazia) con 12 voti su 20. Oltre al documento storico di cui sopra la civica amministrazione vuole festeggiare insieme anche il periodico di cultura civile-religiosa e storico-archeologica dal titoloCapitulum Hernicorum”, stampato dalla Tipografia Poliglotta Vaticana, che il Direttore Responsabile Mons. Adelmo Loreti, pubblicò per la prima ed ultima volta nel 1946. Non a caso don Adelmo aveva scritto: nel prossimo numero saranno pubblicati articoli di sommo interesse storico che per la prima volta illustreranno l’origine delle antiche famiglie di Piglio”. A far rivivere questa testata nella sua veste di giornalista-pubblicista è ora Giorgio Alessandro Pacetti, memoria storica di Piglio, che continua nell’opera di conservazione degli avvenimenti di Piglio ad perpetuam memoriam”, con la sua biblioteca fatta da ritagli di giornali. La cerimonia del 70° anniversario della nascita della Repubblica Italiana termina nella sala del Consiglio del Comune di Piglio con la relazione dello storico Giorgio Alessandro Pacetti. Il sindaco Felli e l’Assessore Celletti invitano tutti i cittadini a partecipare agli eventi celebrativi del 70° Anniversario della Repubblica. Lapide in ricordo dei caduti della guerra Mondiale Giorgio Alessandro Pacetti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento