Piglio Piglio

Piglio, Dai consiglieri comunali di “Obiettivo Comune” precisano i punti approvati dal Consiglio Comunale

Riceviamo e Pubblichiamo I consiglieri comunali di  “Obiettivo Comune” hanno chiesto e ottenuto, dopo diverse resistenze da parte del sindaco, un consiglio comunale per discutere la vicenda del centro di trasferenze di Casa Zompa.

Riceviamo e Pubblichiamo

I consiglieri comunali di "Obiettivo Comune" hanno chiesto e ottenuto, dopo diverse resistenze da parte del sindaco, un consiglio comunale per discutere la vicenda del centro di trasferenze di Casa Zompa.

Infatti il gestore ha richiesto un incremento del volume dei rifiuti trattati che passerebbero dalle attuali 34000 tonnellate ad oltre 50.000. Sono state realizzate in quel sito anche alcune opere abusive che sono state sanate successivamente dal comune con un apposito permesso in sanatoria. Obiettivo Comune é riuscito ad ottenere una pronuncia del consiglio comunale che si é impegnato sui seguenti punti:

  1. Non approvare alcuna variante urbanistica che consenta una modifica dell'attività e un incremento delle dimensioni;
  2. Impegnare il Sindaco ad esprimere parere contrario nella conferenza dei servizi appositamente convocata dalla provincia;

  3. Chiedere all'ufficio competente di valutare la correttezza del permesso in sanatoria concesso a seguito dell'abuso e di provvedere alla revoca in autotutela, qualora ne ricorrano i presupposti.

Su questa vicenda, come sempre abbiamo fatto, continueremo a vigilare e ad impedire che la politica locale, provinciale e regionale usi il nostro territorio, a vocazione vitivinicola, per perseguire obiettivi propri che non coincidono con quelli dei cittadini pigliesi, rendendolo un immondezzaio.

Ci riserveremo di informare gli organi deputati al controllo ogni qualvolta la vicenda presenti aspetti poco chiari.

I Consiglieri Comunali di Obiettivo Comune

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piglio, Dai consiglieri comunali di “Obiettivo Comune” precisano i punti approvati dal Consiglio Comunale

FrosinoneToday è in caricamento