rotate-mobile
Valle Del Sacco

Una raccolta firme per la sicurezza del bivio della ‘morte’ su Via Casilina

Questa l’iniziativa del comitato di quartiere di Valvarino (Palestrina) dopo l’ennesimo incidente mortale che chiede un semaforo e una rotatoria

Dopo l’ennesimo grave incidente che nel giro di qualche giorno si è trasformato in una tragedia con la morte di una signora della zona. Gli abitanti del quartiere di Valvarino, comune di Palestrina, lanciano on-line una raccolta firme per la messa in sicurezza dell’incrocio con la frazione di Carchitti. Quello dove lo scorso 27 febbraio c’è stato l’incidente tra l’auto condotta da Annamaria Nolgo ed un’ambulanza che proveniva da Valmontone.

“Il Comitato di Quartiere Valvarino 2000, non può più tollerare i molti incidenti automobilistici avvenuti negli ultimi anni all’interno dell’abitato del comune di Palestrina (Rm) nella frazione VALVARINO che si sviluppa lungo il tratto di Via Casilina dal km 33+00 al km 34+700 circa e sull'incrocio che porta alla frazione di Carchitti; Le richieste d'allarme disattese, il perdurare dello stato dei luoghi, il pericolo e i continui scontri, hanno portato i residenti e i cittadini tutti che vi transitano a vivere uno stato di stress costante e sono disperati;

Alla luce degli ultimi tragici eventi accaduti la settimana scorsa e la perdita di un altra vita preziosa non si può più attendere! Si chiede ad Anas e al Commissario Prefettizio del Comune di Palestrina la risoluzione:

Al pericolo d’immissione del traffico veicolare da via colle Vecchio su Via Casilina dal ponte che attraversa il vallo ferroviario della linea Roma -Cassino posto al km 33+00;

All’eccessiva velocità sostenuta dagli autoveicoli che transitano su via Casilina S.R. n.6 dal km 33+00 al km 34+700; Al pericoloso incrocio a raso sito al Km 33+700;

Lo stesso CdQ sottolinea con forza e propone le possibili opere atte a risolvere tali pericoli:

per il punto 1): Istituire il senso unico, del solo tratto del ponticello o solo in ingresso o solo in entrata con un immediato atto comunale. Allargamento del ponte ferroviario

per il punto 2): Installazione di un sistema semaforizzato del tipo ordinario e/o del tipo intelligente;

L’installazione e l’utilizzo dei dispositivi e dei mezzi tecnici di controllo del traffico finalizzati al rilevamento a distanza delle violazioni di cui agli art. 142 e 148 del vigente codice della strada, senza l’obbligo di contestazione immediata di cui all’art. 200 dello stesso codice (come già autorizzato per il tratto in questione con l’Ordinanza del Prefetto di Roma Prot. n. 50805 del 9/3/2011).

per il punto 3) Istituzione del centro abitato Sostituzione dell’incrocio a raso con una rotatoria;

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una raccolta firme per la sicurezza del bivio della ‘morte’ su Via Casilina

FrosinoneToday è in caricamento