menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Valmontone, Giuseppe Carboni è il primo candidato Presidente per l’Università Agraria

Il noto commerciante in queste ore ha ricevuto il sostegno di tante realtà politiche, associative e del mondo agricolo locale ed è pronto per la sfida elettorale

Quando mancano meno di venti giorni alla presentazione delle liste per il rinnovo dell’Amministrazione dell’Università Agraria, cominciano a delinearsi con chiarezza le scelte che le forze politiche e sociali della Città stanno compiendo per farsi trovare pronte ad un appuntamento importantissimo per i valmontonesi; le elezioni del 19 aprile 2020.

Molte, infatti, sono le novità che hanno interessato l’Ente, a partire dal corpo elettorale, non più riservato ai soli capo-famiglia ma a tutti i cittadini con diritto di voto residenti a Valmontone da almeno cinque anni. Altro aspetto importante, alla luce della nuova normativa, è che l’Università Agraria è diventato un ente di diritto privato, che avrà il compito di gestire la totalità dei terreni gravati da uso civico della Città. Un patrimonio terriero non indifferente, che di fatto aumenta sensibilmente le responsabilità gestionali soprattutto nei confronti dei cittadini.

In questo contesto, ci è arrivata in redazione la notizia che Giuseppe Carboni, noto commerciante della Città, da sempre impegnato nel settore agricolo-zootecnico, già in passato Presidente dell’Ente Agrario, ha deciso di mettere a disposizione la sua persona per questa competizione.

A sostenerlo ci saranno molti amministratori uscenti dell’Ente, diverse associazioni politico-culturali della Città, nonché il gruppo consigliare di opposizione. Abbiamo voluto incontrare il candidato presidente Carboni per conoscere le motivazioni della sua scelta: “Quando nei giorni scorsi mi è stato chiesto di guidare una Lista Civica per il rinnovo delle cariche dell’Università Agraria, ho deciso di accettare la sfida perché penso che l’Ente - che ha un importanza rilevante per tutto il settore agricolo-zootecnico di Valmontone -  non può continuare ad essere gestito nel  modo in cui lo si è fatto in questi ultimi anni. Quanti mi conoscono sanno che non sono legato a nessun gruppo o partito politico, sono un comune cittadino che vuole dare il proprio contributo per far si che le nostre terre vengano valorizzate e diventino finalmente una risorsa per tutta la Città. Non è mia intenzione polemizzare con nessuno, ma trovo assurdo che la politica consideri l’Università Agraria come un terreno di caccia, e che a rappresentarlo ci siano persone che nulla hanno a che fare con l’Agricoltura”.

La sfida elettorale, quindi, è iniziata. Attendiamo di conoscere le scelte che altri protagonisti della vita politica valmontonese faranno, a cominciare dal Sindaco Latini e dalla sua maggioranza che, da voci bene informate, sembra continuerà con la tradizione “famigliare” nella gestione dell’Università Agraria. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Lazio rischia di tornare in zona arancione dal 17 maggio. Ecco perché

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Mostre

    Veroli, Daimon - mostra d'arte

  • Eventi

    Frosinone, “CicchiAMO”

  • Eventi

    Alla scoperta di Ferentino sconosciuta

  • Eventi

    Ciaspolata su Colle Le Lisce e Monte Cotento

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento