Arresti alla stazione, il plauso di Ottaviani e Zicchieri alle forze dell'ordine

Le dichiarazioni sull'operazione che ha permesso di mettere le manette ai polsi dei 3 gambiani diventati l'incubo dei pendolari

"I complimenti sono d'obbligo al comandante provinciale col. Fabio Cagnazzo e ai militari del Nucleo operativo e radiomobile che, insieme ai colleghi della stazione di Frosinone Scalo, hanno eseguito l’operazione che ha condotto all’arresto dei tre giovani di nazionalità gambiana, accusati di furti e rapina allo Scalo di Frosinone, a danno di pendolari e viaggiatori – hanno dichiarato l'on. Francesco Zicchieri e il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani – In qualità di amministratori e di parlamentari del territorio, nel rispetto delle competenze in materia di sicurezza che vengono espletate, in maniera puntuale e efficiente, dalle istituzioni a ciò preposte, abbiamo ascoltato le preoccupazioni dei cittadini di Frosinone, rappresentandole presso le sedi opportune. La pronta risposta del prefetto, dott. Ignazio Portelli, e delle forze dell'ordine, ha dimostrato come lo Stato sia presente in ogni quartiere della città, volgendo la massima attenzione anche, e soprattutto, verso quei fenomeni di criminalità che provengono dall'esterno. 

La videosorveglianza in città

La sicurezza, del resto, è un tema da sempre sentito dall’amministrazione Ottaviani che, a questo scopo, ha realizzato il progetto “Città in video”, che ha portato all'installazione di oltre 400 telecamere nel centro urbano e in periferia, raggiungendo, così, la percentuale più alta in Italia per rapporto tra sistemi di sicurezza e numero di abitanti: gli uffici comunali hanno infatti fornito, già nei mesi scorsi, utili strumenti di indagine alle Forze dell’Ordine che, regolarmente, procedono all’acquisizione dei filmati e delle videoregistrazioni per prevenire la commissione di reati o, come spesso accaduto, per fornire validi strumenti probatori all’Autorità giudiziaria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La presenza delle forze dell’ordine nella zona dello Scalo ferroviario - hanno proseguito Zicchieri e Ottaviani - oltre a costituire un potente deterrente, riesce a reprimere il crimine, ribadendo così il sacrosanto diritto di giovani, famiglie, anziani, di recarsi in stazione a prendere, con tranquillità, il treno o semplicemente di frequentare la piazza antistante o i giardinetti, senza temere di incorrere in episodi di spregio alla legalità come quelli di cui si sono resi responsabili alcuni africani, che hanno violato le leggi ed i precetti del nostro ordinamento giuridico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Guglielmo Mollicone, il padre che non ha smesso mai di lottare per la verità

  • Maxi blitz, ecco chi sono gli arrestati a capo della banda di spacciatori (foto)

  • Scontro frontale tra due auto lungo la Cassino-Formia: muore l'89enne Silvana Pellecchia

  • Ceccano, arrestati ‘Sandokan’ e due familiari. Hanno aggredito Morello, troupe di ‘Striscia la notizia’ e Carabinieri

  • Coronavirus, test sierologici. Ecco i 15 comuni della provincia di Frosinone scelti per l'indagine

  • Muore a 58 anni il carabiniere Vito Antonio De Vita. Lunedì i funerali

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento