Boville, inaugurato il primo frantoio gestito da un totem elettrico

Un impianto di ultimissima generazione che presenta fra le tante novità una caratteristica unica al mondo che è stata installata per la prima volta in città

"A Boville il primo totem al mondo da cui gestire tutto il processo produttivo di un frantoio oleario". All’azienda agricola Luigi Cocco giungono i complimenti e gli auguri del sindaco di Boville Ernica, Enzo Perciballi, e dell’assessore comunale al Bilancio e alle Attività produttive, Rocco Picarazzi, dopo il taglio del nastro al nuovo impianto di lavorazione: "Il paese ha bisogno di imprenditori coraggiosi come Luigi Cocco che, con impegno, costanza e sacrifici, valorizzano il territorio, l’olio d’oliva e la nostra economia".

"E’ motivo di orgoglio – spiegano il primo cittadino Perciballi e l’assessore Picarazzi – avere persone come Luigi Cocco che, nonostante l’evidente situazione di crisi economica, trovano il coraggio d’investire per stare al passo con i tempi e offrire un prodotto sempre migliore da immettere sul mercato. E motivo di orgoglio è stato per noi anche essere presenti sabato pomeriggio, 21 settembre 2019, presso la sede dell’azienda agricola in cui è stato presentato il nuovo impianto oleario, alla presenza di tanti cittadini, esperti del settore e associazioni di categoria. Abbiamo potuto vedere un impianto di ultimissima generazione che presenta fra le tante novità una caratteristica unica al mondo che è stata installata per la prima volta a Boville Ernica: un totem totalmente elettronico che sostituisce il buon vecchio quadro elettrico. Come ci hanno spiegato i titolari dell’azienda agricola, a conduzione familiare, si tratta di un unico punto da cui poter gestire tutto il processo produttivo, dall’introduzione delle olive nella vasca principale, fino all’uscita dell’olio, il nostro prezioso oro verde, dal filtro. Ovviamente rimane indispensabile il ruolo del frantoiano: sarà sempre lui a manovrare l’impianto. Oltre agli aspetti tecnologici non abbiamo potuto non notare anche grandi miglioramenti negli aspetti più pratici: le gramole sono chiude ermeticamente, evitando così l’ossidazione della pasta a contatto con l’ossigeno e garantendo una maggiore igiene, se mai ce ne fosse stato bisogno.

Concludono il sindaco e l’assessore alle Attività produttive: "E’ importante sottolineare anche la diversificazione dei settori in cui si fa impresa, visto che nel nostro territorio prevale l’edilizia. Investimenti nel settore oleario, insieme a una buona cultura della coltivazione e della produzione olearia che, come Amministrazione municipale abbiamo già affrontato sia coinvolgendo le scuole, sia con un importante convegno, contribuiscono certamente a valorizzare un prodotto d’eccellenza. Tant’è che Boville, oltre a essere annoverato nel Club dei Borghi più belli d’Italia, è anche Città dell’Olio. E la presenza dei tanti frantoi, ciascuno con le proprie esperienze e i propri mezzi a  disposizione è, secondo noi, la testimonianza concreta di una collettività che ancora crede nelle tradizioni e soprattutto nella sana e genuina alimentazione. Nel rinnovare i nostri auguri all’azienda Luigi Cocco, a tutti gli operatori del settore auguriamo di continuare a credere in questo prezioso prodotto agricolo frutto delle nostre meravigliose colline".   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane finanziere muore nel sonno, la tragedia nella notte

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

  • Cassino, marito e moglie investiti in via Garigliano: lei trasferita a Roma

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento