rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
Attualità

La Ciociaria continua a bruciare, vertice in Prefettura

Le raccomandazioni del Prefetto ai sindaci ed alle forze di polizia dopo i giorni difficili con incendi molto estesi

Sono oramai diversi giorni che i vigli del fuoco del comando provinciale ed i volontari della protezione civile sono operativi per spegnere diversi grandi incendi che hanno interessato il nord della Ciociaria, ai confini con la parte sud della provincia di Roma tra i comuni di Serrone e Roiate e la parte del sorano dove la strada per Forca D’Acero è rimasta chiusa per ben due giorni a causa di un vasto incendio in zone impervie.

Una situazione veramente difficile che sta diventando anche pesante dal punto di vista fisico per gli uomini del comando provinciale di Frosinone e per quelli delle varie protezioni civili presenti su tutto il territorio. Anche per questo motivo nei giorni scorsi, nella sede della Prefettura di Frosinone, si è tenuta una riunione di coordinamento per l’esame delle misure di prevenzione presieduta dal Prefetto di Frosinone dott. Ernesto Liguori, alla quale hanno partecipato, oltre ai vertici provinciali delle forze di polizia, il comandante provinciale dei vigili del fuoco, i rappresentanti dell’agenzia regionale della protezione civile, della Provincia, dell’Anas, dell’Astral, del V e VI Tronco della Società Autostrade, di E-Distribuzione, dell’Ente Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e delle Comunità Montane.

 “Nel corso dell’incontro è stato fatto il punto sull’attuazione delle misure previste nel Piano regionale di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi 2020-2022, in base al quale sul territorio provinciale verranno dislocati mezzi terrestri e aerei, il cui impiego sarà gestito tramite la Sala Operativa Unificata Permanente, in stretto raccordo con il Comando provinciale dei Vigili del Fuoco. È stato altresì previsto l’impiego sul territorio provinciale di personale delle organizzazioni di volontariato, appositamente formato, per il concorso nell’attività di spegnimento e per le occorrenti attività di supporto.

Il Prefetto ha invitato gli enti gestori delle infrastrutture affinché vengano assicurati interventi periodici di manutenzione con pulizia e rimozione della vegetazione nelle fasce perimetrali delle zone antropizzate e della rete viaria e ferroviaria, allo scopo di mitigare il rischio di innesco.

Saranno, inoltre, sensibilizzati i servizi di prevenzione generale e di controllo del territorio da parte delle Forze di Polizia, al fine di prevenire e sanzionare eventuali illeciti nello specifico settore.

A seguito dell’incontro il Prefetto provvederà a richiamare l’attenzione dei Sindaci, quali autorità locali di protezione civile, affinché nei diversi contesti territoriali venga posta in essere ogni misura idonea ad assicurare una risposta tempestiva ed efficace al fenomeno, con particolare riferimento all’aggiornamento delle pianificazioni di livello comunale o intercomunale e all’organizzazione finalizzata all’allertamento e all’impiego del sistema locale di protezione civile”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Ciociaria continua a bruciare, vertice in Prefettura

FrosinoneToday è in caricamento