Ruggine alle casette dell'acqua pubblica, interviene la Asl

L'associazione Frosinone Bella e Brutta chiede al sindaco Ottaviani di sospendere l'erogazione per la tutela della salute dei cittadini

La ruggine presente sulle bocchette

Casette dell’acqua pubblica. Nei giorni scorsi, un cittadino, allarmato dalle precarie condizioni igieniche delle bocchette d’erogazione dell’acqua dell’impianto di piazza Falcone e Borsellino a Frosinone ed appreso anche che la ditta già da tempo non stava eseguendo interventi di manutenzione, aveva segnalato il caso all’associazione Frosinone Bella e Brutta che aveva provveduto immediatamente a girarlo ad alcuni consiglieri comunali, allertando nel contempo anche un dirigente della ASL di Frosinone. La segnalazione era stata corredata da immagini video che testimoniavano bene l’evidente stato di degrado degli erogatori, (macchie diffuse di ruggine). Con grande soddisfazione dei cittadini preoccupati e dei rappresentanti dell’associazione ieri mattina, sono intervenuti i tecnici ASL, che hanno provveduto ad effettuare i prelievi di rito e le foto dei particolari di degrado dell’impianto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'impegno di Frosinone Bella e Brutta

I rappresentanti di Frosinone Bella e Brutta avevano particolarmente a cuore le Casette pubbliche dell’acqua in quanto avevano perorato nel passato la loro installazione e si erano adoperati per ripetuti sollecitati fino al dicembre del 2009 quando l’amministrazione Marini decise di installarli a Frosinone. L’idea era, come in tanti comuni dell’Italia del nord, essenzialmente di ridurre i rifiuti plastici e l’inquinamento dovuto al trasporto su strada. L’inaugurazione della prima, in Piazza Falcone e Borsellino il 23 luglio 2011 e quella nel piazzale della Parrocchia di San Paolo Apostolo ai Cavoni, il 22 giugno 2013.

Nessun riscontro dalla ditta

Molta attenzione avevano avuto i volontari nel sollecitare il gestore a fornire, per motivi di trasparenza, il resoconto dei passaggi che effettuavano per la manutenzione ordinaria elencando i materiali sostituiti, oltre alle analisi previste dalla legge ed addirittura avevano messo a disposizione una pagina del blog Frosinone Bella e Brutta per pubblicarli, in quanto la ditta sosteneva che affissi sugli impianti venivano portati via dai vandali.

Sospendere l'erogazione

"Richieste che - sottolineano i membri dell'associazione - non avevano trovato mai riscontri. Ora però le condizioni di abbandono in cui versano, richiedono decisioni drastiche a tutela della salute dei cittadini che li utilizzano. È lecito a questo punto richiamare l’attenzione del sindaco Ottaviani che nel ruolo di massima autorità sanitaria del territorio comunale, chiamato a tutelare la salute dei propri cittadini, dovrebbe ordinarne da subito, a scopo precauzionale e cautelativo, la chiusura dell’erogazione dell’acqua, sia all’impianto di Cavoni che della Villa Comunale, almeno fino a quando non si avranno gli esiti delle analisi fatte sui prelievi effettuati dalla ASL ieri mattina".

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento