Motorizzazione civile di Frosinone ferma con le quattro frecce

Monta la protesta per la totale paralisi di revisioni e collaudi. Magliocchetti scrive al ministro Toninelli per sollecitare una soluzione

Motorizzazione civile di Frosinone ferma con le quattro frecce. Una paralisi totale per quanto riguarda le revisioni ed i collaudi dei veicoli che giovedì mattina ha scatenato la protesta davanti agli uffici provinciali. Il già carente personale è stato ulteriormente ridotto di 6 unità rendendo il servizio impraticabile. Una situazione che sta provocando un ingente danno economico per le agenzie di pratiche auto e per gli installatori che assistono all'esodo dei clienti verso gli uffici provinciali limitrofi come Latina e Roma. Ad essere coivolto è tutto il settore legato alla mobilità oltre ovviamente agli utenti del servizio.

Prenotazioni bloccate

"Mancano tecnici e amministrativi per dare risposte ai cittadini e agli operatori del settore. - si legge nella missiva inviata dal consigliere comunale e provinciale Danilo Magliocchetti al ministro dell'Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli -  Per quanto riguarda le prenotazione di revisioni e collaudi, siamo di fronte alla paralisi totale. Senza considerare l’indotto, dove installatori e operatori rischiano severi danni economici. I cittadini non possono circolare, le agenzie di pratiche auto in difficoltà con i clienti, gli installatori di impianti che vedono i propri affari fuggire verso altre province e costi che aumentano per chi si rivolge al privato. 

Verso Latina e Roma

Questo stato di cose è culminato con una clamorosa, e sacrosanta aggiungerei, protesta da parte degli operatori del settore di fronte agli uffici della Motorizzazione civile di Frosinone. Queste persone hanno protestato per denunciare e portare all’attenzione delle istituzioni e della pubblica opinione una situazione che non è più sostenibile, perché molti utenti sono costretti a rivolgersi agli uffici delle motorizzazioni di Latina o Roma oppure ai privati, con costi ovviamente onerosi. I danni sono a totale carico dei cittadini e lavoratori, come agenzie e installatori di impianti da collaudare (dal gpl ai ganci traino per i camion). E, visto il criterio territoriale per i collaudi, i clienti hanno la tentazione di rivolgersi a installatori in provincia di Roma e Latina per fare prima. Lasciando quindi senza introiti le officine ciociare. 

La richiesta al Ministro

Orbene, visto che nonostante le continue sollecitazioni, perché è bene ricordare che, le criticità della motorizzazione civile di Frosinone, non sono solo di questi giorni, ma risalgono a diversi mesi or sono, non hanno prodotto alcun genere di miglioramento del servizio per i cittadini e gli operatori del settore, sono a richiedere un Suo autorevole e immediato intervento allo scopo di portare a soluzione definitiva, anche con l’ausilio di nuovo e ulteriore personale da destinare agli uffici, la non più sostenibile criticità della locale motorizzazione civile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento