Sabato, 25 Settembre 2021
Attualità

Motorizzazione civile di Frosinone ferma con le quattro frecce

Monta la protesta per la totale paralisi di revisioni e collaudi. Magliocchetti scrive al ministro Toninelli per sollecitare una soluzione

Motorizzazione civile di Frosinone ferma con le quattro frecce. Una paralisi totale per quanto riguarda le revisioni ed i collaudi dei veicoli che giovedì mattina ha scatenato la protesta davanti agli uffici provinciali. Il già carente personale è stato ulteriormente ridotto di 6 unità rendendo il servizio impraticabile. Una situazione che sta provocando un ingente danno economico per le agenzie di pratiche auto e per gli installatori che assistono all'esodo dei clienti verso gli uffici provinciali limitrofi come Latina e Roma. Ad essere coivolto è tutto il settore legato alla mobilità oltre ovviamente agli utenti del servizio.

Prenotazioni bloccate

"Mancano tecnici e amministrativi per dare risposte ai cittadini e agli operatori del settore. - si legge nella missiva inviata dal consigliere comunale e provinciale Danilo Magliocchetti al ministro dell'Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli -  Per quanto riguarda le prenotazione di revisioni e collaudi, siamo di fronte alla paralisi totale. Senza considerare l’indotto, dove installatori e operatori rischiano severi danni economici. I cittadini non possono circolare, le agenzie di pratiche auto in difficoltà con i clienti, gli installatori di impianti che vedono i propri affari fuggire verso altre province e costi che aumentano per chi si rivolge al privato. 

Verso Latina e Roma

Questo stato di cose è culminato con una clamorosa, e sacrosanta aggiungerei, protesta da parte degli operatori del settore di fronte agli uffici della Motorizzazione civile di Frosinone. Queste persone hanno protestato per denunciare e portare all’attenzione delle istituzioni e della pubblica opinione una situazione che non è più sostenibile, perché molti utenti sono costretti a rivolgersi agli uffici delle motorizzazioni di Latina o Roma oppure ai privati, con costi ovviamente onerosi. I danni sono a totale carico dei cittadini e lavoratori, come agenzie e installatori di impianti da collaudare (dal gpl ai ganci traino per i camion). E, visto il criterio territoriale per i collaudi, i clienti hanno la tentazione di rivolgersi a installatori in provincia di Roma e Latina per fare prima. Lasciando quindi senza introiti le officine ciociare. 

La richiesta al Ministro

Orbene, visto che nonostante le continue sollecitazioni, perché è bene ricordare che, le criticità della motorizzazione civile di Frosinone, non sono solo di questi giorni, ma risalgono a diversi mesi or sono, non hanno prodotto alcun genere di miglioramento del servizio per i cittadini e gli operatori del settore, sono a richiedere un Suo autorevole e immediato intervento allo scopo di portare a soluzione definitiva, anche con l’ausilio di nuovo e ulteriore personale da destinare agli uffici, la non più sostenibile criticità della locale motorizzazione civile".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Motorizzazione civile di Frosinone ferma con le quattro frecce

FrosinoneToday è in caricamento