Sanità, il Lazio è fuori del commissariamento. Buschini parla di sfida vinta

Per il Presidente Zingaretti, invece, ora si passa al momento delle assunzioni e degli investimenti

"È fatta! Dopo 12 anni il Lazio è fuori dal commissariamento della sanità. Ora assunzioni e investimenti per una nuova sanità, ospedali, ambulatori e servizi sui territori. Una vittoria storica". Così il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha commentato la fine del commissariamento della sanità nel Lazio. Una notizia che già era trapelata nei mesi scorsi ma che da queste ore è diventata ufficiale

“L’uscita dal commissariamento è un’altra grande sfida vinta dalle politiche di Nicola Zingaretti, dalle giunte e dalle maggioranze che dal 2013 hanno lavorato ogni giorno per mantenere un patto coi cittadini e per una sanità virtuosa e efficiente”. Lo scrive in un comunicato il presidente del Consiglio regionale del Lazio, Mauro Buschini.

“Dopo 12 anni il sistema sanitario del Lazio esce da un lungo tunnel e lo fa proprio nell’anno in cui ha dovuto affrontare una prova durissima, la più difficile della storia come le battaglie che medici, infermieri e ricercatori hanno condotto e portano avanti contro il coronavirus. A loro, a chi in questi anni e in questi mesi in particolare di durissimi impegno va il primo pensiero, nel giorno della fine di un commissariamento – conclude Buschini - che ora apre nuove prospettive di servizi e di nuove assunzioni di professionisti della sanità nei territori del Lazio”.

Le parole del Ministro Boccia

"La Regione Lazio è finalmente fuori dal commissariamento della sanità. È merito del buongoverno dell’amministrazione Zingaretti che ha esercitato nel modo più giusto e nell’unico interesse dei cittadini un’autentica azione riformista. La sanità del Lazio partiva da una situazione drammatica ed oggi è diventata, invece, un modello per la capacità di rafforzare i presidi territoriali, di fare prevenzione e investimenti, di consolidare la posizione del personale. Un’attività che ha dimostrato tutta la sua efficacia nell’affrontare l’emergenza Covid. Proprio in questa fase medici e operatori sanitari, con il sostegno della Regione Lazio, hanno dimostrato tutta la loro generosità verso le regioni in condizioni più critiche e gravi del nord. Per tutto questo, non smetterò mai di ringraziare la sanità del Lazio". Così il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia.

Soddisfatta la consigliera regionale Sara Battisti

Dichiarazione della consigliera regionale Sara Battisti: “Grande soddisfazione per il traguardo raggiunto oggi dalla Regione Lazio. Era l'11 luglio del 2008 quando il nostro servizio sanitario fu commissariato con un disavanzo di circa 2 miliardi di euro.  Oggi finalmente, dopo 12 lunghi anni, possiamo dire di avercela fatta, possiamo scrivere la prima pagina di un nuovo libro tutti insieme. Grazie alla Giunta Zingaretti che in questi anni ha lavorato duramente per raggiungere questo obiettivo, e grazie a tutti i cittadini, ai medici e agli operatori sanitari, ai quali abbiamo chiesto enormi sacrifici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

È giunta l'ora di ripagare gli sforzi di tutti, il Lazio, ora più che mai, è pronto a investire nuovamente e in modo incisivo nella sanità, al fine di garantire prestazioni e servizi in grado di soddisfare le esigenze di tutti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 5 borghi da visitare in Ciociaria

  • Ceccano, speciale elezioni: Caligiore in vantaggio, Corsi e Piroli confidano nel ballottaggio

  • Coronavirus in Ciociaria: uno dei 2 nuovi casi è un 51enne di Pontecorvo andato al pronto soccorso

  • Cassino, grave schianto tra auto lungo la Casilina in direzione Cervaro

  • Coronavirus, impennata di casi di positivi a Colleferro. Ecco cosa è successo

  • Omicidio Willy, gli aggressori percepivano il reddito di cittadinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento