Cassino, sospetta meningite, bimbo trasferito a Roma: scatta la profilassi anche all'asilo nido

Il piccolo di due anni vive nella città a sud della Ciociaria. Gli insegnanti e i genitori degli altri alunni hanno ricevuto una comunicazione da parte dell'Asl. Dovranno tutti assumere antibiotici e segnalare eventuali sintomi

E' stato trasferito d'urgenza, in elicottero a Roma ed è stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva pediatrica del policlinico 'Agostino Gemelli'. C'è il sospetto che abbia contratto una forma 'sepsi meningococcica' o di altro batterio. Un bimbo di appena due anni, residente a Cassino e alunno di un asilo nido privato della città, è ora ricoverato nella specializzata struttura capitolina. La sua prognosi è riservata e le sue condizioni sono critiche. Il bambino, come fanno sapere dall'ospedale di Cassino, non è vaccinato.

Il soccorso

Il piccolo arrivato al pronto soccorso del 'Santa Scolastica' di Cassino con febbre e dolori lancianti alla testa è stato sottoposto a tutti gli accertamenti che hanno fatto emergere la presenza di un eventuale batterio. In pochi istanti è scattato il piano di profilassi sia per i genitori, i famigliari ed il personale che lo ha visitato o stabilizzato al pronto soccorso.

La comunicazione dell'Asl

In giornata, presso la direzione dell'asilo nido, è arrivata una comunicazione da parte dell'Asl, a firma del responsabile del servizio di Igiene e Profilassi. Il medico comunica la necessità di avviare una terapia di prevenzione tra gli insegnanti, i docenti ed i piccoli compagni del bimbo unitamente a coloro che frequentano la ludoteca pomeridiana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento