Alatri, abuso d'ufficio e falso ideologico, indagato il sindaco Giuseppe Morini

Le indagini coordinate dalla Procura di Frosinone e dalla Guardia di Finanza hanno fatto emergere presunti abusi edilizi e vedono coinvolte altre sedici persone tra professionisti e cittadini

Il sindaco di Alatri, Giuseppe Morini ed altre 16 persone hanno ricevuto un avviso di garanzia da parte della Procura della Repubblica di Frosinone e della Guardia di Finanza per i reati di abuso d'ufficio e falsità ideologica.
I finanzieri del Comando Provinciale di Frosinone, coordinati dal colonnello Alessandro Gallozzi,  al termine di complesse e articolate indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Frosinone, stanno procedendo alla notifica di n. 17 avvisi di conclusione delle indagini preliminari, ex art. 415 bis c.p.p., nei confronti del Sindaco del comune di Alatri, di un Responsabile pro tempore del Settore Urbanistico ed Edilizio e di un tecnico comunale del medesimo ente, nonché nei confronti di n. 4 professionisti della provincia di Frosinone e n. 10 privati residenti nella predetta città, tutti indagati, a vario titolo, per i reati di abuso d’ufficio, falsità ideologica, false attestazioni ed asseverazioni in materia di segnalazione di inizio attività nel settore urbanistico. 

L'inchiesta

Le indagini svolte, con riferimento all’arco temporale che va dal 2013 al 2018, dagli investigatori del dipendente Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria attraverso l’esame di copiosa documentazione amministrativa, l’escussione di numerosi soggetti e l’effettuazione di specifici ispezioni sullo stato dei luoghi unitamente ad un CTU, sono state disposte dalla citata A.G. al fine di verificare la regolarità delle procedure amministrative di rilascio dei titoli edilizi ed abitativi riferibili a richieste di concessioni cc.dd. “in sanatoria”, ovvero ad altri provvedimenti urbanistici abilitanti alla realizzazione di interventi edilizi. 

Abusi edilizi

In particolare, le Fiamme Gialle del capoluogo ciociaro nei numerosi casi esaminati hanno sempre rilevato una falsa rappresentazione delle opere, trasfusa anche nei rispettivi progetti presentati a corredo delle istanze e finalizzata ad ottenere il rilascio di provvedimenti favorevoli, in contrasto con quanto previsto dalla normativa urbanistica vigente e dalla strumentazione urbanistica comunale. 
In tale contesto, inoltre, le risultanze investigative hanno consentito al GIP presso il Tribunale di Frosinone di disporre il sequestro preventivo di un immobile, sito in Alatri, di 
circa 150 mq, nonché della relativa area pertinenziale di circa 125 mq, in quanto il Sindaco di Alatri, nella sua duplice veste di pubblico ufficiale e di ingegnere incaricato dai privati proprietari, risulterebbe aver illecitamente rilasciato il relativo titolo edilizio abilitativo in sanatoria, attestando falsamente la realizzazione e la condonabilità del fabbricato. 
L’odierna operazione di servizio testimonia ancora una volta quanto salvaguardare il buon andamento della Pubblica Amministrazione vuol dire rilanciare l’economia e quindi garantire a noi ed ai nostri figli migliori condizioni di vita. 
 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento