Pizzaiola di professione ed escort sul web ma a sua insaputa

I dati personali della donna di Alatri ed anche il suo numero di telefonia mobile erano stati rubati e registrati su un sito di incontri. In chat era conosciuta con il nick name "Parlami di te 522"

Si era ritrovata a sua insaputa a fare la escort su un sito di incontri. La donna, una commerciante di 48  anni residente ad Alatri, aveva scoperto che i suoi dati personali ed il suo numero di utenza telefonica erano entrati a far parte di un circuito per soli uomini a seguito di telefonate a sfondo sessuale.

Le telefonate a sfondo sessuale

Al suo stupore per quelle telefonate piene di eros le era stato risposto di aver già conversato con lei in chat in un sito di incontri  dove era presente il suo profilo con nickname. Ma non è tutto; sul computer della donna era arrivata una mail nella quale veniva invitata da un'alra persona a smettere di richiamare quell'utenza perchè gli stava rovinando l'esistenza.

Le indagini della polizia postale

Avendo deciso di scoprire chi le aveva rubato l'identità si era rivolta alla polizia Postale. Una situazione quella che stava vivendo la donna che aveva messo in seria crisi anche il suo matrimonio. L'uomo che non aveva creduto a questa macchinazione ordita nei confronti della coniuge si era allontanato da casa. A questo da aggiungere che la donna che gestiva una pizzeria era stata costretta a chiudere per paura che qualcuno pensasse che la utilizzava per adescare i clienti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Identificato l'autore

Ma gli agenti della polizia Postale a conclusione delle indagini erano riusciti a dare un nome ed un volto al pirata informatico. Si trattava di un trentenne amico di famiglia. A seguito di quei fatti l'uomo era stato condannato a cinque mesi e dieci giorni di carcere. Ma nel frattempo la causa civile è proseguita. La 48enne tramite gli avvocati Francesco Galella e Rita Santorelli  aveva richiesto un risarcimento danni. Nei  giorni scorsi il trentenne è stato condanato al pagamento di 24 mila euro più settemila euro di spese processuali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento