Arpino, insulti all'arbitro Sara Marinella: la solidarietà del consigliere Rachele Martino e la squalifica per Altobelli

Il Comitato Regionale Lazio comunica ufficialmente la maxi squalifica di sei giornate per il giocatore dell' Itri Gregorio Altobelli per l'episodio avvenuto sul campo da gioco

“La violenza maschile, anche verbale, sulle donne non deve essere un problema delle donne: solidarietà all’arbitro!”. Alza la voce la consigliera comunale delegata alla Cultura di Arpino Rachele Martino, componente dell’Associazione Sos Donna, dopo il deplorevole finale della partita di campionato di Promozione girone D che ha visto l’arbitro, Sara Marinella, costretta a sospendere l’incontro e ad abbandonare il campo dopo il reiterarsi di insulti sessisti nei suoi confronti.

Il commento ufficiale di Rachele Martino

“Esprimo tutta la mia solidarietà di donna, di amministratrice e a nome dell’Associazione Sos Donna all’arbitro Sara Marinella. Dopo aver appreso quanto accaduto, sono indignata e sento ancora più forte la necessità di impegnarmi a lottare contro tutte le forme di discriminazione e a promuovere l’inclusione, la diversità e soprattutto il rispetto, una parola quest’ultima che ormai quotidianamente e in diversi ambiti viene utilizzata solo come slogan ma senza contenuti e comportamenti coerenti – ha spiegato Rachele Martino –. E’ necessario affrontare anche il tema dell’accessibilità, intesa come partecipazione delle donne a tutte le attività della vita quotidiana, senza preclusioni. Anche lo sport non è esente da discriminazioni: il calcio, nel caso specifico, è sempre stato considerato di ‘proprietà’ dei maschi. Maschi che, da bordo campo, non mancano di lanciare offese sessiste sia per chi arbitra sia per le donne che solitamente giocano".

Violenza sulle donne problema comune

"Il nocciolo della questione è ‘l’educazione’ e per questo non mi stancherò mai di coinvolgere le scuole, i giovani, ad iniziative tese alla sensibilizzazione sul tema in questione – ha aggiunto Martino -, a combattere il silenzio e a favorire il dialogo finalizzato alla conoscenza delle reciproche esigenze ed inclinazioni. Contro gli istigatori alla violenza di genere bisogna solo ‘lottare’ ogni giorno cercando di educare alla parità di genere e al rispetto. La violenza contro le donne, fisica o verbale che sia, è un problema di tutti perché è fenomeno trasversale e riguarda tutte le classi sociali e ogni livello culturale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La maxi squalifica

E' stata inoltre resa nota dal Comitato Regionale Lazio, con il comunicato ufficiale n.115, la decisione del Giudice Sportivo in merito ai fatti avvenuti domenica 15 ottobre, nella partita Arpino – Itri che ha visto protagonista involontaria proprio la sig.ra Marinella. Maxi squalifica di sei giornate inflitta a Gregorio Altobelli (Itri Calcio) perchécome si legge nel comunicato “a seguito dell’espulsione di un proprio compagno di squadra, rivolgeva all’arbitro espressione offensiva. Alla notifica del provvedimento disciplinare lo avvicinava con atteggiamento minaccioso costringendolo ad arretrare di circa dieci metri. Nonostante fosse trattenuto da compagni di squadra reiterava altre offese e minacce. L’arbitro impaurito da tali atteggiamenti correva precipitosamente verso gli spogliatoi seguito dagli assistenti arbitrali. Bloccato dai propri compagni di squadra e da alcuni avversari reiterava altre offese e minacce all’interno degli spogliatoi.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento