Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca

Cassinate, rubano delle batterie ad un ripetitore telefonico ma vengono presi

Tre napoletani sono stati beccati con la refurtiva dai carabinieri di Arce mentre scappavano dalle parti di Colfelice

Sono sempre più frequenti, oramai, i furti delle grosse batterie che alimentano i ripetitori delle varie compagnie telefoniche. Un fenomeno che si sta diffondendo anche nel sud della Ciociaria.

Nelle ore scorse i Carabinieri della stazione di Arce insieme ai colleghi di Pontecorvo, impegnati in un servizio di controllo del territorio finalizzato alla repressione dei reati, hanno attivato opportune indagini immediatamente dopo il furto di quattro batterie utilizzate per alimentare il ponte ripetitore in Colfelice di una nota società di telefonia.

Ad insospettire i militari è stato un furgone con a bordo tre soggetti che, vedendo i Carabinieri, hanno cercato di far perdere le proprie tracce, ma due pattuglie in servizio sono riuscite ad intercettare il mezzo ed a bloccarlo lungo la SR 6 Casilina. I tre napoletani di 26, 40 e 22 anni (con precedenti per reati contro il patrimonio) vistisi scoperti, hanno abbandonato il bottino (per un valore di 1.500 euro circa) che è stato recuperato successivamente dagli operanti.

Nei confronti dei tre individui è stato notificato anche l’avvio del procedimento amministrativo per l’emissione del foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel territorio di Colfelice per tre anni. Come disposto dall’A.G. di Cassino, dopo le formalità di rito, i tre sono stati ristretti presso le camere di sicurezza della Stazioni Carabinieri di Pontecorvo e Frosinone, in attesa del rito direttissimo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cassinate, rubano delle batterie ad un ripetitore telefonico ma vengono presi

FrosinoneToday è in caricamento