Cassino, peculato e falso: richiesta di condanna per l'ex dirigente del commissariato di Polizia

Il pubblico ministero Fusco ha chiesto una pena di tre anni e tre mesi e cinque di interdizione dai pubblici uffici per il vice questore Francesco Putortì che avrebbe utilizzato i mezzi dello Stato per scopi personali

Avrebbe utilizzato la macchina di servizio per scopi personali. Per le vacanze con la famiglia e per effettuare traslochi. Poi avrebbe alloggiato in un albergo di Cassino senza saldare il conto cagionando un danno da oltre 50mila euro ai titolari della struttura ricettiva. Per questo motivo il vice questore Francesco Putortì, ex dirigente del commissariato di Cassino, è finito sotto processo davanti ai giudici del collegio penale del tribunale di Cassino. Deve rispondere di falso e peculato. Oggi il pubblico ministero Maria Carmen Fusco ha chiesto per il funzionario della Polizia di Stato una condanna a tre anni e tre mesi di reclusione oltre che l'interdizione dai pubblici uffici per cinque anni. L'udienza è stata aggiornata al prossimo 24 ottobre per la replica della difesa e molto probabilmente per la lettura della sentenza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento