Scoperte 37 mila mascherine contraffatte. Imprenditore colleferrino denunciato

La Procura di Frosinone e la Guardia di Finanza della tenenza di Fiuggi ha perquisito le sedi di due società ed un maxi deposito denunciando tre imprenditori: uno laziale e due campani

Migliaia di mascherine chirurgiche prive della certificazione medica e quindi fasulle sono state sequestrate dalla Guardia di Finanza di Frosinone e dagli investigatori della tenenza di Fiuggi (Frosinone). Tre le persone finite nei guai: si tratta di imprenditori residenti a Colleferro nel sud della provincia di Roma ma ai confini con quella ciociara e in Campania che dovranno rispondere di di frode in commercio e vendita di prodotti con segni mendaci.

L'attività

Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Frosinone, agli ordini del colonnello Alessandro Gallozzi, da tempo hanno avviato una serie di servizi di controllo volti al contrasto delle condotte fraudolente e delle pratiche commerciali sleali connesse all’emergenza epidemiologica COVID-19.

Le immagini del mega sequestro di metà maggio

A Fiuggi sono state individuate e sequestrate oltre 37.000 mascherine chirurgiche, identificate come dispositivi medici ma prive dell’idonea certificazione tecnica. A seguito di un controllo svolto presso un’attività commerciale con sede nella città termale, e grazie a successive investigazioni, le fiamme gialle hanno scoperto che erano state poste in vendita delle mascherine chirurgiche aventi la marcatura “CE” impropriamente apposta, prive di idonea documentazione atta a certificare il prodotto come dispositivo medico e senza che fosse stato fatto preventivamente interessato l’Istituto Superiore di Sanità così come previsto dall’art. 15 del D.L. 18/2020.

La denuncia

I tre imprendfitori denunciat sono A.L. (anni 49) di Napoli, C.S. (anni 55) di Melito di Napoli (Na) e I.L. (anni 57) di Colleferro (Rm) che dovranno rispondere per le ipotesi di reato previste e punite dagli artt. 515 e 517 del codice penale nonché richiesto all’Autorità Giudiziaria l’emissione di un decreto di perquisizione locale e sequestro.  Al termine dell’attività di servizio venivano sottoposte a sequestro penale n. 37.151 mascherine chirurgiche e n. 1.798 etichette.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La prevenzione

Il contrasto alla vendita di prodotti non sicuri è da sempre all’attenzione della Guardia di Finanza per i molteplici effetti negativi che produce, quali il danneggiamento del corretto andamento del mercato e soprattutto la salute dei consumatori. Le attività svolte, infatti, testimoniano ancora una volta il quotidiano impegno della Guardia di Finanza a tutela della salute dei cittadini, specie nel delicato momento che sta vivendo il Paese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Paliano, violento frontale tra due auto, un ragazzo perde la vita (foto)

  • Alessandro Borghese e "4 Ristoranti" sbarcano a Frosinone

  • Frontale sulla Palianese, la morte del giovane Mattia lascia un vuoto incolmabile

  • Omicidio Willy, tracce organiche nella macchina dei fratelli Marco e Gabriele Bianchi

  • Ceccano, i nomi dei 16 eletti in Consiglio comunale e tutti i numeri delle Elezioni 2020

  • Coronavirus, nuovo caso in una scuola ciociara: attivata la didattica a distanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento