Cronaca Via Giacomo Puccini

Paura al supermercato. Due episodi di aggressione in poche ore

Ieri mattina un'anziana è stata minacciata con un coltello e costretta a consegnare denaro e catenina. Poco dopo un'altra donna è stata assalita da un ragazzo che chiedeva l'elemosina

Un'anziana rapinata ed un'altra aggredita davanti al supermercato "Conad" di via Puccini, nel capoluogo ciociaro. È  successo nella tarda mattinata di ieri. Vittima della rapina un’anziana di settanta anni che dopo aver fatto la spesa era entrata nella sua macchina per fare ritorno a casa. Ma un malvivente armato di coltello ha aperto lo sportello ed è entrato nell'abitacolo. Dopo avergli sottratto la borsa le ha strappato anche la catenina d'oro che aveva al collo. 

Forse si tratta di un italiano

Subito dopo il colpo, l'uomo, che sembra avesse un accento italiano, si sarebbe allontanato a piedi dal parcheggio del supermercato. L’anziana, in visibile stato di shock ha allertato immediatamente i carabinieri della Stazione Scalo che hanno raccolto la denuncia ed avviato le prime ricerche. L'anziana non ha saputo dare molte informazioni sul bandito perchè tutto si sarebbe consumato nel giro di pochi minuti. Quello che la donna ricorda di aver visto bene, è quella lama di un coltello che il malvivente gli aveva puntato contro.

Accorgimenti da adottare

 Le forze dell’ordine ancora una volta invitano i cittadini a stare in allerta soprattutto davanti ai centri commerciali dove i rapinatori sono sempre in agguato. La prima cosa da fare quando si sale in macchina è inserire la chiusura automatica dall’interno. Ciò al fine di evitare quello che è accaduto alla povera sventurata che si è ritrovata il bandito dentro l’auto. 

Un secondo episodio in poco tempo

Dopo la rapina invece, l'aggressione. Subito dopo il colpo messo in atto nella vettura di una anziana, un'altra donna ha denunciato ai carabinieri di essere stata aggredita da un ragazzo di colore che chiedeva l'elemosina davanti al supermercato. Davanti ai militari che hanno raccolto le sue dichiarazioni, la signora avrebbe riferito che quel ragazzo africano l’aveva accusata di aver raccolto cinquanta euro per terra e di averle messe in tasca.

Questa volta è uno straniero

La signora però ha smentito tutto sostenendo che in tasca aveva soltanto un biglietto di colore marrone dove aveva appuntato un indirizzo. Lo straniero non credendo alle sue parole, le avrebbe impedito di salire in macchina mettendo la sua gamba tra lo sportello. A quel punto la donna ha allertato i carabinieri. Il 28enne che è stato trovato sprovvisto di documenti è stato accompagnato dai militari presso la caserma della stazione Scalo per essere identificato. La signora lo ha denunciato con l’accusa di aggressione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paura al supermercato. Due episodi di aggressione in poche ore

FrosinoneToday è in caricamento