Lui, lei e l'altra. La segretaria amante prende a pugni in faccia l'ex moglie e la manda in ospedale con il naso rotto

Una storia avvenuta a Frosinone fatta di tradimenti e di regali preziosi come un bracciale da 20 mila euro, finita con un'aggressione e con un naso rotto

Nel triangolo lui, lei e l'altra è sempre la moglie ad inveire contro l'amante. In questo caso invece proprio quest'ultima ha mandato la coniuge "legittima" in ospedale sferrandole due pugni al volto e fratturandole il setto nasale. Vittima di questa storia una avvenente signora di Frosinone di 68 anni.

La storia

La donna, sposata con un ricco marchese, per molti anni aveva vissuto a Modena dove il marito era titolare di una società edile che gestiva lavori in appalto con gli enti pubblici. Ma nel 2000 il marito era morto improvvisamente lasciandole quella florida azienda. La donna però aveva paura di non essere in grado di portare avanti da sola quell'immensa mole di lavoro, così si era rivolta ad un ragazzo di venti anni più giovane di lei che nell'azienda svolgeva diverse mansioni. Ma dal rapporto professionale era subentrato quello affettivo.

La segretaria come amante ed il bracciale da 20 mila euro

Nel giro di poco tempo i due erano convolati a nozze. Il neo marito  che curava i rapporti con l'estero sovente si assentava per viaggi di lavoro. Viaggi che divideva con la segretaria che nel  frattempo era  diventata la sua amante. Ma si sa, il diavolo fa le pentole e non i coperchi e il marito aveva fatto un passo falso. Aveva acquistato un bracciale da ventimila euro pagandolo con la carta di credito dell'azienda. La banca aveva subito informato la donna di quell'insolito acquisto. La  signora, pensando che il coniuge volesse farle una sorpresa non aveva detto nulla. Soltanto molto tempo dopo aveva realizzato che quel regalo non era per lei.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La confessione

Messo alle strette l'uomo aveva confessato la relazione con la segretaria. La marchesa senza scomporsi aveva chiesto la separazione con addebito ed essendosi sposata in regime di separazione dei beni lo aveva cacciato dal lavoro e dalla  sua casa.  Licenziata in tronco anche la segretaria. Ma quest’ultima che non aveva accettato assolutamente di aver perso il  suo posto di lavoro, in preda ad una raptus si era recata nella sua abitazione e le aveva sferrato due pugni al volto fratturandole il setto nasale. La segretaria adesso dovrà rispondere di lesioni e minacce. La signora sarà rappresentata dagli avvocati Carlo Mariniello e Stefano Popolla

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Cassino, commerciante beve acido muriatico e rischia di morire

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento