Cronaca

Processo Mollicone, la testimonianza shock: "Intercettato anche Guglielmo Mollicone"

Il colonnello Gianluca Trombetti, ex comandante della Compagnia di Pontecorvo, ha deposto in aula spiegando che 'nei giorni successivi al ritrovamento della ragazza non avevamo piste da seguire e non escludemmo con la Procura quella familiare"

Iniziano ad emergere i primi dettagli inquietanti e paradossali inerenti le indagini avviate subito dopo l'uccisione di Serena Mollicone. A deporre dinanzi la corte d'assise del tribunale di Cassino è stato l'oggi colonnello dei Carabinieri Gianluca Trombetti, all'epoca capitano della Compagnia dei Carabinieri di Pontecorvo (Frosinone).

In tre ore di deposizione l'ufficiale ha svelato quanto accaduto nelle le ore successive al ritrovamento del corpo della diciottenne di Arce assassinata (si ipotizza nella caserma dei carabinieri) il 1 giugno del 2001 e per la cui morte sono finiti sotto processo l'ex comandante della stazione di Arce, Franco Mottola, la moglie Annamaria, il figlio Marco e due carabinieri all'epoca in servizio presso la caserma, Vincenzo Quatrale e Francesco Suprano.

"La gravità dell'omicidio ed il modo con cui era stato occultato il cadavere rese ancor più necessaria l'attività di indagine ma fin da subito non riuscimmo a trovare una giusta pista. Per questo si decise unitamente alla Procura di indagare anche nell'ambito familiare. Lo stesso Guglielmo Mollicone fu oggetto di indagini con il posizionamento di microspie ambientali in casa. Anche le sue conversazioni telefoniche erano intercettate". 

L'ufficiale dell'Arma, oggi a comando del Provinciale di Salerno, ricostruisce anche il tanto contestato 'prelevamento' da parte del maestro Guglielmo durante la veglia funebre. "Ricordo con assoluta certezza di aver seguito un ordine dettato dall'autorità giudiziaria ma non ricordo di aver incaricato direttamente il maresciallo Mottola di questa cosa. Ricordo altresì che era una questione urgente".

Il colonnello Trombetti quindi ha spiegato di aver eseguito un ordine e quindi di aver delegato un sottoposto ma gli avvocati della famiglia Mollicone, Dario De Santis, Sandro Salera e Federica Nardoni, hanno posto l'accento sul lungo lasso di tempo impiegato dagli inquirenti per intrattenere il papà della ragazza. Per la difesa venne convocato in caserma solo per la firma di un verbale.

Il testimone ha poi parlato della pista seguita a vuoto definendola 'una grande perdita di tempo' inerente l'esistenza di una presunta setta satanica. "Furono fatti tutti i riscontri del caso dopo le dichiarazioni di una donna che si definiva esperta di esoterismo e che ritenemmo non essere attendibile".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo Mollicone, la testimonianza shock: "Intercettato anche Guglielmo Mollicone"

FrosinoneToday è in caricamento