Roma, a Trastevere droga “mordi e fuggi” nei vicoli. dosi vendute al dettaglio tra i giovani e i turisti in transito. arrestati 3 pusher

Avevano messo in atto un frenetico spaccio di droga tra i vicoli storici di Trastevere, evitando le zone “note” come ponte Sisto e piazza Trilussa, ormai sotto la lente d’ingrandimento dei controlli dei Carabinieri, e mescolandosi tra la folla...

Avevano messo in atto un frenetico spaccio di droga tra i vicoli storici di Trastevere, evitando le zone “note” come ponte Sisto e piazza Trilussa, ormai sotto la lente d’ingrandimento dei controlli dei Carabinieri, e mescolandosi tra la folla nella speranza di passare inosservati.

Tuttavia ieri sera, per i tre pusher sono scattate le manette. Si tratta di un 23enne egiziano, un 43enne somalo e un 54enne di Roma, tutti con precedenti per droga.

I Carabinieri della Stazione di Roma Trastevere hanno messo fine alle loro passeggiate nel quartiere, dove avvicinavano turisti e giovani tentando di “piazzare” le loro dosi di hashish. Erano ormai specializzati nell’individuare possibili acquirenti, offrire e cedere rapidamente la droga. I Carabinieri li hanno localizzati e pedinati, nelle vie tra piazza Mastai e Largo San Giovanni de’ Matha, fino a quando, colti in flagranza, li hanno bloccati.

I militari hanno rinvenuto nelle loro tasche diverse decine di dosi di hashish e diverse centinaia di euro, provento dello spaccio.

I tre pusher sono stati portati in caserma e trattenuti in attesa del rito direttissimo. Dovranno difendersi dall’accusa di spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti.

POMEZIA – PICCHIA MOGLIE E FIGLIA CON UN TUBO DI PLASTICA. ARRESATO .

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Pomezia hanno arrestato un cittadino tunisino di 55 anni già conosciuto alle forze dell’ordine, da molti anni residente in Italia, con le accuse di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.

I militari sono intervenuti, a seguito di una telefonata giunta al Numero Unico di Emergenza “112”, nell’abitazione dell’uomo che condivideva con la moglie coetanea e la figlia 16enne.

Al loro arrivo, i Carabinieri hanno notato che l’uomo, nel corso di una banale discussione familiare, aveva usato un tubo in plastica per picchiare la moglie e la figlia.

Le vittime, accompagnate alla Clinica Sant’Anna di Pomezia, sono state medicate per le lesioni riportate: ne avranno rispettivamente per 10 e 2 giorni di prognosi.

I successivi accertamenti hanno permesso di stabilire che non si trattava del primo episodio di violenza ai danni di moglie e figlia.

Il cittadino tunisino è stato portato nel carcere di Velletri, dove rimane in attesa della convalida dell’arresto.

CENTRO – CARABINIERI FERMANO BABY GANG SPECIALIZZATA IN FURTI SU MICROCAR.

Alla loro giovanissima età erano già specializzati nello scassinare e forzare le portiere delle microcar per razziare quanto custodito all’interno.

Tre adolescenti romani, due 16enni, studenti già con precedenti, e un 18enne, sono stati fermati, ieri notte, dai Carabinieri della Stazione Roma San Lorenzo in Lucina che li hanno sorpresi a forzare alcune microcar in via Antonio Chinotto, quartiere della Vittoria.

Transitando nella via, i Carabinieri hanno notato due microcar con la portiera forzata e, poco dopo, hanno individuato la baby gang intenta ad armeggiare su un terzo veicolo.

Prontamente bloccati, i ladruncoli sono stati trovati in possesso di arnesi da scasso e della refurtiva appena asportata, un I-Pad, un navigatore satellitare e vari oggetti personali, tutta recuperata e restituita ai proprietari.

I Carabinieri hanno arrestato il 18enne, che è stato portato in caserma e trattenuto, e denunciato i due minorenni, che sono stati riaffidati ai genitori. Dovranno difendersi dall’accusa di furto aggravato in concorso

CORVIALE – IMPROVVISANO “PIT STOP” IN STRADA, TENTANDO DI SMONTARE IL SEMIASSE DI UN’AUTO PARCHEGGIATA. IN 4 ARRESTATI DAI CARABINIERI.

Sono stati sorpresi dai Carabinieri della Stazione Roma Villa Bonelli mentre, approfittando dell’oscurità della notte, stavano smontando il semiasse di un’utilitaria parcheggiata lungo la strada.

A finire in manette sono state 4 persone, tutti romani di età compresa tra i 20 e i 41 anni e già conosciuti alle forze dell’ordine, che avevano avuto la malsana idea di dare vita ad un “pit stop” in strada allo scopo di rubare il semiasse anteriore sinistro di una Fiat Punto parcheggiata in Largo Cesare Reduzzi.

Armati di un martinetto per alzare da terra il veicolo e posizionati dei mattoni sotto la scocca dell’auto, i “meccanici” improvvisati hanno iniziato a smontare la porzione di meccanica della trasmissione, ma sono stati interrotti dai Carabinieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I quattro ladruncoli, arrestati con l’accusa di tentato furto aggravato, sono stati trattenuti in camera di sicurezza in attesa dell’udienza di convalida.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Coronavirus, muore Pino Scaccia. L'addio di Vacana: ‘In Ciociaria lo avevamo premiato un mese fa’

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento