Roma, al culmine di una lite lo colpisce alla spalla con un machete. 62enne arrestato dai carabinieri

I Carabinieri della Stazione Roma Casalotti hanno arrestato un 62enne originario della provincia di Crotone, ma da tempo residente a Roma, con l’accusa di lesioni personali dolose aggravate.

Mascede

I Carabinieri della Stazione Roma Casalotti hanno arrestato un 62enne originario della provincia di Crotone, ma da tempo residente a Roma, con l’accusa di lesioni personali dolose aggravate.

L’uomo aveva ingaggiato una discussione animata con un cittadino romeno di 48 anni con cui, tempo fa, aveva intrattenuto un rapporto di lavoro. Proprio quel precedente vincolo aveva creato numerosi dissapori e litigi che si sono protratti nel tempo e che sono sfociati in tutta la loro violenza nel pomeriggio di ieri.

Quando i due si sono incrociati in via del Casale di Sant’Angelo, infatti, sono subito partite parole grosse ma, questa volta, il 62enne, che stava eseguendo dei lavori di giardinaggio, ha reagito colpendo due volte il cittadino romeno con un machete che aveva in mano.

Il primo colpo ha preso la vittima in pieno alla spalla, causandogli una profonda ferita con lesione muscolare e della capsula articolare, il secondo lo ha, fortunatamente, preso solo di striscio al dorso.

La moglie della vittima, che ha assistito alla scena e che ha subìto anche delle furiose minacce di morte da parte dell’aggressore del marito, ha immediatamente allertato il “112” e i Carabinieri della Stazione Roma Casalotti, giunti sul posto, hanno ammanettato il feritore, attivando, contestualmente, i soccorsi per il 48enne.

Il cittadino romeno è stato trasportato da un’ambulanza del “118” all’ospedale “Padre Pio” di Bracciano, ove si trova tutt’ora ricoverato in attesa di prognosi ma non in pericolo di vita.

Il 62enne, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato trattenuto in caserma in attesa di essere sottoposto al rito direttissimo.

ROMA - BLITZ ANTIDROGA DEI CARABINIERI NEL CUORE DELLA MOVIDA. ARRESTATI 12 PUSHER E SEQUESTRATE DOSI DI STUPEFACENTI.

La scorsa serata, i Carabinieri del Comando Provinciale di Roma hanno effettuato dei mirati blitz antidroga per contrastare lo spaccio di droga nelle zone maggiormente frequentate da giovani e turisti nel fine settimana.

I blitz sono stati compiuti nelle zone di Trastevere, Esquilino, Pigneto, Cinecittà, Ostiense, Colle Oppio e Termini, cuore della movida romana.

Sono finiti in manette ben 12 pusher, tre romani e nove stranieri - due cittadini del Gambia, un cittadino egiziano, due cittadini del Mali, due della Nigeria e due tunisini - di età compresa tra i 20 e i 54 anni, molti di loro già noti alle forze dell’ordine.

Le operazioni hanno permesso ai Carabinieri di sequestrare numerose dosi di droga – tra hashish, marijuana, eroina e cocaina – pronte alla vendita, flaconi di metadone e pasticche di Rivotril, anche conosciuto come “droga dello stupro”, per la capacità di stordire in pochi istanti e facilitare episodi di violenza sessuale.

I Carabinieri hanno sequestrato anche materiale per il taglio e confezionamento dello stupefacente e denaro contante, provento dell’illecita attività.

Tutti gli arrestati sono stati portati in caserma e trattenuti in attesa del rito direttissimo, dove dovranno difendersi dall’accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento