Roma, al Prenestino furto di energia elettrica in uno stabile occupato. 11 persone arrestate 3 denunciate a piede libero

A conclusione di un accertamento svolto con il personale specializzato della società distributrice di energia elettrica, i Carabinieri della Stazione Roma Tor Pignattara hanno arrestato 11 persone (2 cittadini moldavi, 3 cittadini albanesi, 2...

A conclusione di un accertamento svolto con il personale specializzato della società distributrice di energia elettrica, i Carabinieri della Stazione Roma Tor Pignattara hanno arrestato 11 persone (2 cittadini moldavi, 3 cittadini albanesi, 2 cittadini romeni e 4 cittadini marocchini), denunciando a piede libero altri 3 cittadini romeni, tutti responsabili di furto di energia elettrica.

L’elettricità sottratta illecitamente alimentava gli appartamenti e gli elettrodomestici delle famiglie che abitano in uno stabile privato, da tempo occupato abusivamente, ubicato in via di Villa Santo Stefano, una traversa di via Teano, nel cuore del quartiere Prenestino Labicano.

I militari hanno scoperto il maxi allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica realizzato mediante 2 grossi, e pericolosi, cavi conduttori “volanti” collegati ai contatori in strada a cui erano stati rimossi i sigilli.

L’impianto elettrico è stato messo in sicurezza e nuovamente ripristinato dai tecnici specializzati incaricati dall’azienda erogatrice del servizio mentre gli 11 arresati sono stati trattenuti in caserma in attesa di essere sottoposti al rito direttissimo.

LARGO LANCIANI – CARABINIERI ARRESTANO STUDENTE PUSHER.

Nel primo pomeriggio di ieri, nell’ambito dei controlli antidroga disposti dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Roma, nei pressi degli istituti scolastici della Capitale, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Parioli hanno arrestato un pusher di 19 anni, studente, incensurato.

I militari lo avevano individuato mentre si muoveva con fare sospetto tra alcuni studenti più piccoli. Lo hanno così pedinato un po’ fino a largo Lanciani, a circa 500 metri da casa sua, dove è stato bloccato mentre vendeva 1,5 g di marijuana ad uno studente di 15anni, che è stato identificato e sarà segnalato alla competente autorità.

La successiva perquisizione personale e domiciliare ha permesso ai militari di rinvenire e sequestrare complessivamente, 350 g di hashish suddivisi in 4 panetti, 13 g. di marijuana, già suddivisi in dosi, un bilancino di precisione, tutto il materiale per tagliare e confezionare lo stupefacente e circa 150 euro in contanti, ritenuti provento della pregressa attività di spaccio.

Dopo l’arresto il giovane pusher è stato portato in caserma e in serata accompagnato presso l’abitazione dei genitori, in regime degli arresti domiciliari, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del giudizio direttissimo.

VIA CESARE LOMBROSO – CARABINIERI DENUNCIANO ALTRE 3 PERSONE. QUESTA VOLTA PER TRASPORTO DI RIFIUTI NON AUTORIZZATO.

Continua l’attività dei Carabinieri della Stazione di Roma di Monte Mario, mirata a contrastare ogni forma di illegalità presso l’insediamento di via Cesare Lombroso. Dopo l’arresto dei giorni scorsi del nomade che dava fuoco ai rifiuti, altre tre persone sono state denunciate sempre per violazioni in materia di rifiuti.

Nei pressi del campo, i Carabinieri hanno infatti fermato un 25enne, un 32enne e una 31enne, tutti cittadini romeni, senza fissa dimora e già noti alle forze dell’ordine, che stavano rientrando con un carico di rifiuti che avrebbero poi scomposto prendendo le parti di loro interesse e buttando via le restanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I tre, che ovviamente erano sprovvisti di qualsiasi autorizzazione, sono stati denunciati per abbandono di rifiuti e attività di gestione di rifiuti non autorizzata (Art. 256 D.Lgs. n. 152/06) .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento