Roma, cerimonia in ricordo del brigadiere dei carabinieri Sandro Sciotti

Questa mattina, in piazza Palmiro Togliatti a Santa Maria delle Mole, comune di Marino, è stato ricordato il Vice Brigadiere dei Carabinieri Sandro Sciotti, caduto nel corso di una rapina il 13 giugno 2002.

???????????????????????????????-237

Questa mattina, in piazza Palmiro Togliatti a Santa Maria delle Mole, comune di Marino, è stato ricordato il Vice Brigadiere dei Carabinieri Sandro Sciotti, caduto nel corso di una rapina il 13 giugno 2002.

Dopo gli onori militari, è stata deposta una corona di alloro, a nome dell’Arma dei Carabinieri, ai piedi della stele che ricorda il tragico evento. Erano presenti la vedova del Vice Brigadiere, la signora Claudia Sebastianelli, con i figli Dario e Diana.

Erano inoltre presenti alla cerimonia rappresentanze delle forze dell’ordine, del comune di Marino e dell’Associazione Nazionale Carabinieri unitamente a tanti cittadini di Santa Maria delle Mole.

Note biografiche e motivazioni Onorificenze

Il Vice Brigadiere Sandro SCIOTTI nato a Cesena il 28 maggio del 1962, era nell’Arma dei Carabinieri da 23 anni.

Il 13 giugno del 2002, alle ore 16.15 circa, in Marino (RM), località Santa Maria delle Mole, tre individui, di cui due armati di pistola, perpetrarono una rapina di 500 Euro alla sede della Banca Popolare del Lazio, ubicata nella piazza Palmiro Togliatti. Contestualmente all’evento criminoso, giunsero sul posto, a bordo di un’autovettura di servizio, per effettuare degli accertamenti bancari delegati dall’Autorità Giudiziaria, il Vice Brigadiere Sandro SCIOTTI ed un altro collega, effettivi alla Stazione Carabinieri di zona, i quali, accortisi di quanto stava avvenendo, prontamente decidevano di intervenire. In quei frangenti, mentre il collega si preoccupava di allertare, via radio, la Centrale Operativa del Comando Compagnia, il Vice Brigadiere SCIOTTI, bloccava il terzo malvivente che attendeva i due complici all’esterno dell’istituto. L’uscita improvvisa dalla sede della banca degli altri due malfattori, entrambi armati, generò un conflitto a fuoco nel corso del quale il Brigadiere rimase ferito mortalmente. Per quanto sopra il militare è stato insignito della Medaglia d’Oro al Valor Militare alla memoria.

ROMA - CARABINIERI SMANTELLANO UN SODALIZIO CRIMINALE DEDITO AI FURTI E ALLA RICETTAZIONE DI AUTOVETTURE. 18 PERSONE ARRESTATE.

Il deposito dei ricambi auto rubate (1)

Nel corso della notte i Carabinieri del Comando Provinciale di Roma e dei Comandi dell’Arma territorialmente competenti hanno eseguito una vasta operazione anticrimine che ha portato all’arresto di 18 persone indagate, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere (reato contestato a 12 persone) finalizzata a furti e ricettazione favoreggiamento personale, nonché rivelazione ed utilizzazione di segreti di ufficio e corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio.

L’intervento è stato eseguito in esecuzione di un’ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Roma su richiesta della Procura della Repubblica di Roma, a conclusione dell’indagine “Car2Go” condotta dal Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale Carabinieri di Roma.

L’intervento è stato eseguito in varie località nella provincia di Roma e a Napoli.

Il provvedimento restrittivo si basa sulle risultanze acquisite dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di via in Selci nell’ambito dell’indagine convenzionalmente denominata “Car2Go” sviluppata nel periodo settembre 2016 – febbraio 2017 e riguardante la presenza in Roma di un’organizzazione criminale ben strutturata, capeggiata dal pregiudicato Luca BUCCI e specializzata nei furti totali o parziali di “city car”; in particolare, di SmartFortwo”, sebbene siano state interessate anche utilitarie prodotte da altre case automobilistiche, tra cui Toyota “Aygo” e Citroen “C1”.

Le indagini, sviluppate dal citato Nucleo Investigativo, hanno preso embrionale avvio dall’arresto, in data 15.08.2016, di Bucci Luca e Calabrese Riccardo, operato dalla Stazione Carabinieri di Roma Aventino, per il furto di un’autovettura Smart facente parte del parco veicoli della società di car sharing “Car2Go”.

Le investigazioni si sono protratte per circa 3 mesi (settembre – novembre) e hanno lasciato emergere, nonostante il breve lasso di tempo, l’operatività di una organizzazione criminale attiva, in particolare, nel quadrante occidentale della Capitale (nei quartieri Axa, Casal Palocco, Dragona, Acilia, Casal Bernocchi, Vitinia e Ostia) e dedita al furto e alla ricettazione di autovetture del tipo Smart e parti di esse. Ciò ha permesso, in molti casi, di assistere al furto di componenti meccaniche, sempre di autovetture Smart Fortwo, sia delle serie W140 sia della serie W451.

Nell’ambito di tale sodalizio investigato, inoltre, è stata individuata una fitta rete di soggetti interessati ad acquistare tali beni di provenienza illecita, allo scopo di reimmetterli nel fiorente mercato dei pezzi di ricambio presente nella Capitale o, tramite un sodale, in quello napoletano.

Tra la componentistica maggiormente trattata dal sodalizio, proveniente da autovetture Smart, sono emersi:

attuatori della frizione, del valore approssimativo di circa 700,00 euro, venduti al prezzo medio di 50/60 euro;

volanti, del valore approssimativo di circa 820,00 euro , asportati, in particolare, dalle versioni sportive denominate Brabus;

mascherine anteriori dotate di luce diurne a Led, in particolare, provenienti dalle versioni Brabus;

estrattori per paraurti posteriori asportati dalle versioni Brabus, rivenduti al prezzo medio di 100 euro;

stereo/navigatori con touch screen di varie marche , installate a bordo delle micro car, del valore approssimativo di circa 600/800 euro, venduti al prezzo medio di 80/100 euro.

Alla “merce” di cui sopra, il sodalizio applicava una sorta di “tariffario”, che subiva notevoli oscillazioni in relazione alla tipologia e alla quantità acquistata dagli indagati addetti alla ricettazione e riciclaggio.

Particolarmente rilevante è risultato, inoltre, lo straordinario “controllo del territorio” riscontrato negli indagati addetti ai furti , in riferimento alla dislocazione e agli spostamenti delle autovetture ritenute di interesse .

Gli indagati, infatti, hanno dimostrato di possedere una eccezionale cognizione dei luoghi e delle fasce orarie in cui operare, in relazione alle maggiori probabilità di individuare “obiettivi appetibili”. Veniva, appunto, rilevato come fossero presi di mira, in maniera particolare, i parcheggi antistanti le Stazioni della metropolitana leggera denominata Roma-Lido e la fermata della metropolitana Linea B Eur-Magliana, a qualsiasi ora del giorno o nel corso della serata, privilegiando le pause di lavoro di BUCCI Luca .

Tra l’altro, la maggioranza degli acquirenti dei ricambi di provenienza illecita sono titolari o sono impiegati in officine meccaniche o elettrauto formalmente regolari, dotate di regolare registrazione presso la Camera di Commercio di Roma e del relativo locale commerciale ove viene svolta l’attività di assistenza ai clienti. In alcuni casi, le richieste di parti meccaniche avanzate non si limitavano soltanto a soddisfare le esigenze delle proprie officine meccaniche/elettrauto, ma risultavano necessarie a evadere gli ordini ricevuti tramite alcuni siti di compravendita online.

Tra gli odierni arrestati, anche un Appuntato dell’Arma, all’epoca dei fatti in servizio alla Stazione CC di Casal Palocco, già trasferito ad altra sede e sospeso precauzionalmente dall’impiego; al militare, sono stati contestati i reati di rivelazione ed utilizzazione di segreti di ufficio e corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio.

Il corposo quadro probatorio acquisito a carico degli indagati si basa su attività tecniche e dinamiche, analisi documentale e rilevanti riscontri acquisiti sul campo che hanno consentito, nel tempo, di arrestare 2 persone e denunciarne altre 2, procedendo al sequestro di ingenti quantitativi di parti meccaniche oggetto di refurtiva.

LAURENTINA – SALE SUL BUS COTRAL CON UNA BICICLETTA E SENZA BIGLIETTO. INVITATO A SCENDERE AGGREDISCE DUE AUTISTI, MA POI VIENE ARRESTATO DAI CARABINIERI.

Si è presentato alla fermata della metropolitana “Laurentina”, nel terminal dei bus Co.tra.l, salendo su uno dei mezzi con la propria bicicletta e senza biglietto.

Invitato a scendere dal bus, il ragazzo, un 24enne romano residente a Pomezia con precedenti, è andato su tutte le furie, aggredendo due autisti della compagnia di trasporti che stavano tentando di allontanarlo.

La pattuglia composta da Carabinieri della Stazione Roma Cecchignola e da militari dell’esercito impegnati nell’operazione “Strade Sicure”, attivata da alcuni passanti che avevano assistito alla scena, è immediatamente intervenuta per riportare la calma e, considerata la situazione, ha arrestato il 24enne con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali e danneggiamento aggravato.

Gli autisti aggrediti, visitati al pronto soccorso dell’ospedale “Sant’Eugenio” hanno riportato lesioni giudicate guaribili in 5 giorni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il giovane ciclista esagitato è stato posto agli arresti domiciliari in attesa di giudizio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento