Roma, preso il rapinatore seriale dell'EUR. Aveva messo a segno tre colpi in poco tempo

Gli episodi riscontrati, 3, risalgono al mese di giugno. Tre rapine messe a segno, sempre in orario notturno, tutte in zona Eur. L’autore, oltre a rapinare le vittime, aveva procurato gravi lesioni ai malcapitati costretti al ricovero in ospedale...

Gli episodi riscontrati, 3, risalgono al mese di giugno. Tre rapine messe a segno, sempre in orario notturno, tutte in zona Eur. L’autore, oltre a rapinare le vittime, aveva procurato gravi lesioni ai malcapitati costretti al ricovero in ospedale.

Le indagini degli agenti della Polizia di Stato del commissariato Esposizione, diretto dal dr. Francesco Zerilli, sono iniziate subito dopo il primo episodio avvenuto la notte del 5 giugno, quando un uomo è stato aggredito con calci e pugni nei pressi della fermata della metropolitana ‘Eur Magliana’ da una persona che poi gli ha sottratto il cellulare ed è fuggita.

L’uomo, per le ferite riportate, è stato costretto al ricovero presso l’ospedale S.Eugenio, riuscendo però comunque a fornire le descrizioni dell’aggressore agli agenti intervenuti.

Un analogo avvenimento alcuni giorni dopo, sempre approfittando dell’oscurità della notte, in piazza Barcellona, mentre un ragazzo era intento a riprendere la sua moto lì parcheggiata, è stato avvicinato da un uomo che, con la scusa di una sigaretta lo ha aggredito e derubato del suo Rolex.

Anche in questo caso il malcapitato è dovuto ricorrere alle cure in ospedale per la lussazione della spalla e le contusioni riportate. Nonostante la violenta aggressione subita, anche in questo caso, il ragazzo è riuscito a fornire la descrizione dell’uomo ai poliziotti intervenuti.

Il terzo ed ultimo episodio si è verificato la notte del 20 giugno, nel parco di via di Val Fiorita dove un uomo seduto su una panchina è stato aggredito alle spalle e derubato del cellulare e dell' orologio oltre ad un inalatore spray che aveva in quanto affetto da asma. Oltretutto la vittima, aggredita con un braccio stretto attorno al collo fino quasi a soffocare, ha avuto una crisi respiratoria . Rendendosi forse conto della gravità delle condizioni, il rapinatore prima di fuggire ha restituito l’oggetto. Ciò ha permesso all’aggredito di poter fornire all’equipaggio della Polizia di Stato intervenuto le descrizioni utili ai fini delle indagini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella serata di ieri gli investigatori del commissariato Esposizione hanno individuato B.D.I., romeno di 27 anni, mentre si trovava in via Caduti della Resistenza e lo hanno arrestato a seguito di un’ordinanza di custodia cautelare. Adesso si trova presso il carcere Regina Coeli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento