Roma, sequestrati ad un imprenditore romano 2,5 milioni di beni. Villa, macchine di lusso e yacht in Sardegna

Una villa con piscina in via Cassia, località La Storta, un lussuoso yacht in Sardegna, tre imprese - di cui due operanti nel commercio di veicoli e una nel settore abbigliamento - auto di lusso e vari rapporti finanziari. Il tutto per un valore...

Roma, sequestrati ad un imprenditore romano 2,5 milioni di beni. Villa, macchine di lusso e yacht in Sardegna

Una villa con piscina in via Cassia, località La Storta, un lussuoso yacht in Sardegna, tre imprese - di cui due operanti nel commercio di veicoli e una nel settore abbigliamento - auto di lusso e vari rapporti finanziari. Il tutto per un valore di oltre 2.5 milioni di euro. Sono i beni che i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Roma

hanno sequestrato ad un imprenditore romano, 47enne, gravato da sentenze di condanna per i reati di ricettazione, detenzione illegale di armi e munizioni, truffa, falsità in scrittura privata, falsità materiale in autorizzazioni amministrative, nonché acquisto, detenzione e trasporto di sostanze stupefacenti.

Il decreto di sequestro dei beni anticipato, finalizzato alla confisca, emesso dal Tribunale di Roma – Sezione Misure di Prevenzione, è arrivato a conclusione di indagini patrimoniali, svolte dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Roma, che hanno consentito di rilevare come l’uomo, destinatario del provvedimento di sequestro, disponesse di beni del valore del tutto sproporzionato rispetto al reddito percepito e dichiarato dal medesimo e dalle persone rientranti nel suo nucleo familiare, tanto da far ritenere che tali risorse economiche costituiscano provento o reimpiego di attività delittuose.

Il provvedimento è stato adottato su conforme richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma che, nel valutare la perdurante pericolosità sociale del destinatario, ha recepito la proposta di applicazione della misura di prevenzione patrimoniale avanzata dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma, basata sulla mancata dimostrazione della legittima provenienza dei beni nella disponibilità del proposto e la manifesta sproporzione tra il patrimonio accumulato dal medesimo e dal proprio nucleo familiare negli ultimi 20 anni, rispetto al reddito dichiarato al fisco.

ROMA – CON PISTOLE E COLTELLI A DOPPIA LAMA RAPINO’ 5 ESERCIZI COMMERCIALI. CARABINIERI IDENTIFICANO E ARRESTANO 50enne romano.

Era diventato l’incubo dei commercianti dei quartieri Monteverde, Marconi e Gianicolense, quando, tra i mesi di agosto e ottobre 2016, aveva messo a segno almeno 5 violente rapine in loro danno.

TRASTEVERE - Le armi sequestrate dai Carabinieri (4)

I Carabinieri della Compagnia di Roma Trastevere, al termine di complesse indagini coordinate da PM della Procura della Repubblica di Roma, del gruppo reati contro il patrimonio, guidato dal Procuratore Aggiunto Lucia Lotti, hanno identificato l’autore, un 50enne romano, al quale è stata notificata un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

I militari hanno iniziato ad investigare partendo dal ben consolidato modus operandi del criminale: utilizzare moto rubate, minacciare cassieri e dipendenti utilizzando pistole e coltelli, facendosi consegnare l’incasso della giornata.

Nel tentativo di rendersi irriconoscibile, il rapinatore era solito camuffarsi nei modi più disparati, arrivando anche ad utilizzare un paio di mutande da uomo per coprirsi volto e collo. A tradirlo, però, è stata un’arma utilizzata più volte, dettaglio che non è sfuggito ai Carabinieri e che ha permesso di collegare i vari episodi.

Infatti in più di una circostanza, l’uomo aveva utilizzato due coltelli legati tra loro all’estremità dei manici così da formare un’arma con la doppia lama, assolutamente unica nel suo genere, che è stata poi rinvenuta presso la sua abitazione insieme ad altre armi e oggetti utilizzati per la commissione delle rapine.

Le rapine fruttavano al criminale cifre che oscillavano tra i 600 e i 2.800 euro a colpo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il provvedimento cautelare è stato notificato all’uomo presso il carcere di Regina Coeli, dove lo stesso si trova già detenuto per un analogo reato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Coronavirus, muore Pino Scaccia. L'addio di Vacana: ‘In Ciociaria lo avevamo premiato un mese fa’

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento